Amore e odio in tv

Dichiarazioni a Marco Castelli, per La Provincia di Como

«La rappresentazione dell’emozione – dichiara lo psicologo Claudio Risé – e quindi, da una parte, l’attaccamento, l’innamoramento, dall’altra l’odio e l’avversione coinvolgono profondamente l’affettività e dunque l’attenzione del telespettatore».
Ma sullo schermo è l’amore o l’odio a far innalzare maggiormente il termometro dell’Auditel, ovvero a coinvolgere di più il telespettatore?
«Non credo si possa fare una classifica – aggiunge Risé – anche perché le due pulsioni sono aspetti dello stesso nucleo psichico, che Freud chiama Eros e che può esprimersi in entrambe le forme. Entrambe sono molto forti e derivano da un nucleo emozionale dello stesso tipo: quello che ci spinge ad andare verso l’altro, ad incontrarlo. Amorosamente o aggressivamente».

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: