Ospitalità o cinismo

Claudio Risé, da “Tempi”, 31 agosto 2006, www.tempi.it

Utopia, o cinismo? La lunga scia di sangue che l’invasione immigratoria non controllata sta lasciando dietro di sé nel nostro paese, chiede di essere riconosciuta per quello che è. Il corpo di una comunità non è così diverso dal corpo, e dalla psiche, di un essere umano. Non basta essere lì per appartenervi, e collaborare alla sua crescita. Nel nostro mondo iperscientista, ci si dimentica che esistono cellule (condizionate da traumi, intossicazioni, fattori patogeni di vario tipo), che, invece di aiutare l’organismo in cui si trovano, lo aggrediscono, distruggendolo. Più di un secolo dopo la psicoanalisi, ancora non si riconosce nello psichismo collettivo della società, ciò che si vede ad occhio nudo nell’individuo. La presenza cioè di nuclei d’ombra, che agiscono contro le finalità della personalità, per farla esplodere, od impossessarsene.
L’essere umano si distingue, tra l’altro, per la responsabilità di tutelare la propria salute, la propria vita, e quella della comunità cui appartiene. L’indebolimento della cultura della vita, del rispetto per il mondo vivente, porta invece anche a questo: a non garantire più che la comunità possa continuare e crescere, nel miglior modo possibile per tutti.
Non è poi un’impresa così difficile, come si dice. Nel mondo greco lo Straniero, lo Xenos, era accolto e onorato (ha la stessa radice di Zeus): se parlava, però, un dialetto greco, e rispettava gli Dei. Comunque, nel mondo classico, rimase l’attenzione a riconoscere se l’altro era un hospes, un ospite da accogliere, o un hostis, un nemico da respingere. Decisiva, per questo, era la verifica della condivisione, o almeno del rispetto, dei valori fondamentali della comunità: la vita, la morte, il rapporto con l’altro, con Dio. Si tratta dunque di un sapere che possediamo bene: nella sua lunga storia l’occidente ha accolto e integrato enormi popolazioni, segnando così la storia del mondo. Ma sempre chiedendo all’altro che riconoscesse l’identità propria dell’occidente.
Richiesta laica, in cui risuona la domanda cristiana, su cui questa civiltà è costruita: “Tu, chi dici che io sia”? Una richiesta tutt’altro che relativista. Perché, nel momento in cui poniamo all’altro quella domanda, non possiamo non porcela noi stessi. Noi siamo quelli che hanno seguito l’uomo, accoglientissimo, che tuttavia faceva proprio quella stessa domanda, prima di accogliere l’altro, oppure no. Richiedere, costantemente, anche a noi stessi, chi siamo, ci porta a investigare su a che punto siamo con quella sequela, con quella discendenza, con quella tradizione vivente. Per questo non lo facciamo più, non chiediamo più nulla a nessuno, né a noi stessi, né agli altri. E riduciamo accoglienza, cittadinanza, nazionalità, ad una questione di pezzi di carta, timbri, mesi passati in un certo posto. Accogliamo tutti, ma in realtà non prendiamo sul serio nessuno (neppure noi stessi). Per questo le cellule ostili si moltiplicano, e la scia di sangue si allunga. Cambiamo.

Annunci

One Response to Ospitalità o cinismo

  1. Roberto L. Ziani says:

    “Cambiamo”… Prima dovrebbero cambiare tutti coloro che considerano il “no” un male assoluto e fascista, da rimuovere di principio. E’ un Zola malinteso: “Non credo in ciò che dici ma mi batterò perchè tu possa dirlo”, diceva lui (di Dreyfus). “Non m’interessa cosa vuoi fare, mi batterò perchè tu possa fare quel ch vuoi”, affermano costoro. E stanno sia nel Parlamento che nei parlamentini di quartiere.
    RLZ

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: