Perché Natascha non lo chiama mostro

Claudio Risé, da “Il Mattino di Napoli” del lunedì, 4 settembre 2006

Come mai si comporta così, perché dice queste cose? Come mai Natascha Kampusch, anni 18, fuggita da otto anni e mezzo di prigionia e segregazione
scoppia in singhiozzi all’annuncio del suicidio del suo carceriere, chiede di non chiamarlo “mostro”, vuole tempo prima di rivedere i suoi genitori, esige di giudicare da sé le sue esperienze? In tutta Europa, sui media, nelle radio, nelle famiglie, ci si continua a porre queste domande, e non solo per curiosità morbosa. Dietro a quest’interesse si nasconde, infatti, quello per il mistero nascosto in ogni incontro tra le persone. Ed anche per il fenomeno, poco studiato, per il quale non sempre comportamenti illegali, e con aspetti di violenza più o meno forti, suscitano nell’altro odio, e avversione.
La psicologia ha una sua risposta a queste esperienze, la cosiddetta “sindrome di Stoccolma”. Si tratta di una patologia messa a fuoco in tempi abbastanza recenti, nel 1974, studiando i comportamenti e gli effetti sulla psiche delle persone coinvolte, nel sequestro di un gruppo di impiegati da parte di banditi, che durante questo periodo avevano stabilito con loro relazioni diverse, affettive, ed anche sessuali. La sindrome di Stoccolma spiega i comportamenti dei prigionieri come un fatto essenzialmente adattativo. Il prigioniero sviluppa affetto per il suo carceriere per salvare la vita, e poi lo giustifica per difendere la propria autostima, e/o il proprio narcisismo. Inoltre, nella vicenda, il sadismo del carceriere sollecita la risposta masochistica del prigioniero, la più utile per sopravvivere. Un buon trattamento terapeutico potrà poi aiutarlo a recuperare la propria “integrità” affettiva e sessuale, ed a distaccarsi affettivamente dai propri carcerieri. Questa spiegazione funziona in molte situazioni, soprattutto quando la vicenda si svolge tra adulti, e la durata non è troppo lunga.
In Natascha però le cose sono andate diversamente, come spesso capita a chi vive situazioni di abuso nell’infanzia e adolescenza. Qual è la differenza principale? Che il bambino, quale era Natascha al momento del sequestro, non deve semplicemente sopravvivere: deve crescere, sviluppare una personalità, nutrire questo sviluppo. La materia prima per nutrire lo sviluppo della personalità di un bambino, sia che si trovi in famiglia, sia che si trovi in un’altra situazione, o addirittura in prigionia, è una sola: l’amore. Attenzione: non l’innamoramento (può esserci anche quello, ma è secondario), l’amore. Vale a dire il prendersi cura di, l’essere attenti a, insomma il dare all’altro la propria costante attenzione, affettiva. Ci sono bimbi che crescono, liberissimi, in famiglia, in mezzo a giochi d’ogni genere, e cadono in depressione, e si autorecludono nella propria stanza, o non “crescono” affatto psicologicamente o affettivamente, proprio perché non sentono questo tipo d’amore, d’attenzione. In quella situazione estrema, di profonda mancanza di libertà, e di relazione con una personalità fortemente disturbata, quale era il suo carceriere, la bambina Natascha, che nel frattempo diventava una ragazzina, e poi una giovanissima donna, quest’attenzione affettiva l’ha invece trovata. Altrimenti non ne sarebbe uscita salva: la psiche, ed il corpo, non sopravvivono, in quegli anni, senza amore.
Per questo, Natascha, non vuole che si chiami mostro il suo carceriere, e chiede del tempo prima di rivedere i suoi genitori. L’amore è più ampio della legalità, e sanità psicologica. A volte, assumendo forme abnormi, è però capace di assecondare lo sviluppo della vita. Questo, forse, cerca di dirci Natascha.

Annunci

7 Responses to Perché Natascha non lo chiama mostro

  1. VINCENZO says:

    Da profano, molto profano, ma molto interessato all’eccezionalità del caso, provo a proporre un’ipotesi: è possibile che fra i due si sia instaurata una qualche forma di dipendenza psicotica? Mi sembra che i presupposti, come il potere esercitato dal carceriere, ci siano. Mi scuso per l’eventuale cantonata, anche perchè il discorso sull’amore è veramente affascinante. Grazie

  2. Redazione says:

    Qui la psicosi non manca di certo: uno che prende una bimba e la chiude per otto anni e mezzo in un garage, l’avrà anche amata, ma certo sovrabbondava di patologie. Tra le quali, direi proprio la dipendenza da lei. Che anche Natascha coglie, anche nell’ultima versione (alla TV di ieri, sui giornali di oggi) un po’ mediatica e forse, almeno in parte, opportunistica, dove comunque dice: “Io ero più forte di lui”. Il che mi fa dubitare molto che lei fosse davvero dipendente da lui. Lo fosse stata, non sarebbe cresciuta così forte ed autonoma, come sembra . Non sarebbe cresciuta affatto. Claudio

  3. Lei era dipendente da lui per qualsiasi cosa, ma ha saputo cogliere la sua debolezza e dipendenza da lei per ottenere quanto voleva? Chissa’ se sono tutti cosi’ i rapporti di coppia? Se queste cose lei le ha imparate ascoltando la radio e leggendo, allora funziona! Lei ha saputo far leva sul suo senso di colpa, al punto che lui immaginava e desiderava essere punito da qualcuno che li avrebbe scoperti. Perche’ lei ora non vuole vedere suo padre?

  4. Redazione says:

    Perché suo padre ha sempre chiesto soldi per parlare coi giornalisti?
    Claudio

  5. fiona says:

    quando una persona può definirsi davvero autonoma e libera? è possibile esserlo davvero, svilupparsi in questo senso, anche quando mancano la libertà di movimento e altre esperienze in genere fondamentali come il primo amore, le uscite con gli amici, il confronto continuo con la realtà?
    se Natasha non ha subito alcun problema dalla sua reclusione, allora è lecito pensare che esiste una tendenza (forse) biologica alle patologie, alla depressione? io, come minimo, mi aspettavo una ragazza triste ed emaciata, dopo 8 anni così… Però, questa storia mi è parsa bellissima..

  6. Pingback: Psicoanalisi

  7. Roberto L. Ziani says:

    Può la Sindrome di Stoccolma spiegare anche il fatto che nascano relazioni spesso effimere e litigarelle in ambiti in realtà inadatti, tipo una classe scolastica, un ufficio, la casa del GF? Costretti a coabitare, ci sentiamo a volte inconsciamente costretti a scegliere un/a compagno/a, salvo poi pentircene.
    RLZ

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: