I neuroni dell’altruismo

Claudio Risé, da “Il Mattino di Napoli” del lunedì, 11 settembre 2006

Sui giornali è comparsa una notizia: “ecco perché i ragazzi sono più egoisti: per via dei neuroni”. Le neuroscienze infatti hanno scoperto che solo gli adulti usano spesso la corteccia prefrontale del cervello, che sviluppa empatia e comprensione delle motivazioni altrui. Gli adolescenti ne usano un’altra, più focalizzata sullo svolgimento dell’azione. Questa scoperta, come altre nell’affascinante sviluppo delle neuroscienze, conferma come il funzionamento cerebrale accompagna in modo perfetto le esigenze della vita e dello sviluppo umano. La psicologia, come la filosofia e tutte le scienze umane, conoscono da sempre, infatti, l’egoismo giovanile, un tratto caratteristico del modo di sentire e di comportarsi delle persone non ancora pienamente mature. Questo aspetto ha una precisa funzione nella vita della persona: dirigere le energie sull’affermazione personale, senza disperderle in una serie d’emozioni verso l’ambiente e le persone di riferimento (affettivamente ancora molto forti), per concentrarle invece sulla propria progettualità. Da qui l’ “egoismo” dell’adolescente. Che tiene sì alla persona amata, ma perché soddisfa ad alcuni suoi bisogni; piange per la morte del padre dell’amico, perché teme di trovarsi nelle stesse condizioni di abbandono; vuole prevalere nella competizione, indipendentemente dalle aspettative degli altri. Insomma riferisce tutto a sé stesso, che è ciò che gli interessa.
Questo accade, ci dicono le neuroscienze, per via dei neuroni. Da un altro punto di vista, si potrebbe dire che i neuroni sono perfettamente organizzati, come tutti gli altri aspetti del corpo umano, per realizzare le esigenze della vita e del suo sviluppo. In questo funzionamento del cervello infatti, noi troviamo brillantemente riprodotti i due tempi che qualsiasi osservazione psicologica, e antropologica, riscontra nella vita dell’uomo. Nella prima metà della vita umana l’individuo è, come ha detto lo psicologo Carl Gustav Jung, un proiettile gettato verso l’alto, impegnato ad affermare se stesso, attraverso una serie di azioni, e realizzazioni. Tutto è riferito all’Io ed ai suoi obiettivi, messi a fuoco proprio grazie a quest’eccezionale concentrazione su di sé. E’ questa la fase del conflitto con le generazioni precedenti, che rimproverano a quelle nuove, da sempre, distrazione, scarsa attenzione agli altri, esclusiva attenzione a sé. Man mano poi che i propri obiettivi vengono raggiunti, lo sguardo dell’uomo diventa invece più largo, più orizzontale. Gli altri, che nella prima parte della vita erano soprattutto degli strumenti dell’Io, cominciano ad essere visti per quello che sono: persone, con affetti, bisogni. Finalmente vengono amati come altro da sé, e non semplicemente come prolungamenti delle proprie esigenze . La vita personale è, a quel punto, in gran parte già stata costruita, ed il punto d’arrivo che si comincia ad intravedere non è più una continua, e faticosa, ascesa, ma la lenta discesa verso la morte.
A quel punto le emozioni degli altri, i loro affetti, i loro bisogni, non ci appaiono più fastidiosi dirottamenti delle nostre energie, ma indispensabili elementi per aiutarci a trovare il senso alla nostra stessa vita, che ( ce ne siamo nel frattempo accorti), non può consistere solo nell’affermazione personale. Il nostro modo di comunicare con gli altri allora cambia, “le strategie del pensiero mutano con l’età”, dice la neuroscienziata Sarah-Jaine Blakemore dell’University College of London. Offrendoci così la descrizione degli strumenti organici di un processo che le scienze umane conoscevano da tempo.

Annunci

One Response to I neuroni dell’altruismo

  1. Roberto L. Ziani says:

    Cosa pensare, quindi, di tutti coloro (mass-media, produttori di tecnologie, politicanti a caccia di riserve di voti,…) che offrono agli adolescenti forme di potere incontrollato o la sensazione di poter essere di esempio all’intera civiltà? Finiscono solo per danneggiarli, appesantirli, spaventarli. Chi è in evoluzione è per forza di cose incompleto e non-equilibrato. Mi sembra molto miope se non proprio malignamente interessato voler “restituire” ai giovani “il loro peso naturale”: una civiltà non può avanzare a sbandate. Maligno e miope anche perchè la cosa sta funzionando: molti adulti si pongono di fronte ai problemi con logiche adolescenziali, e addirittura tendono a presentarsi col loro aspetto sbalestrato (ogni riferimento ad un certo calciatore, mondiale di Spagna ’82, che si presenta alle trasmissioni TV con look ad effetto clownesco, è puramente voluta, ma sono certo che gli esempi tanto comici quanto oramai consueti e quindi normalizzati abbondano).
    RLZ

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: