Bolzano vs. Roma. Per i figli

Claudio Risé, da “Tempi”, 14 settembre 2006, www.tempi.it

Il ministro Giuseppe Fioroni, ha sospeso le sperimentazioni di nuove forme e organizzazioni di insegnamento previste dalla riforma Moratti. Applaudono, naturalmente, i sindacati, che in quelle sperimentazioni e nuove forme vedevano una minaccia al proprio immobilismo, una spinta a nuove spinte formative e selezioni dei docenti, insomma il rischio di dover imparare nuove cose, e lavorare di più. Ma c’è qualcuno che non ci sta, con fastidio del neoministro, e strepiti sindacali. Chi è il trasgressore? Un cripto berlusconiano, qualche morattiano infiltrato nella plumbea amministrazione della scuola italiana per scardinare le contro-riforme del centro sinistra? Tutt’altro. Si tratta di uno dei più fedeli alleati di questo governo, e di tutti quelli, con la stessa formula, che l’hanno preceduto: la Provincia Autonoma, di Bolzano, saldamente governata dal partito di lingua tedesca Sud Tiroler Volkspartei, con l’appoggio, in cambio di qualche poltrona da parata, delle formazioni uliviste (oggi piuttosto imbarazzate per questo scontro). Come mai dunque la Provincia autonoma di Bolzano, e la Volkspartei che ferreamente la governa, non vuole saperne di abrogare la riforma Moratti? Perché si tratta di un Ente Pubblico che ha a cuore i propri amministrati, e quindi preferisce dotarli di un’istruzione e di certificati scolastici che siano in grado di fornire davvero un lavoro, e di inserirli nella società, piuttosto che illuderli con lauree a pioggia, che non garantiscono però né il loro benessere, né lo sviluppo della Comunità cui appartengono. Da italiano, vedo con pena come il governo locale Volkspartei – Ulivo, abbia ridotto il nostro gruppo linguistico ad una minoranza di scarso peso, ed ancora minori prospettive. Vedo anche però ( svolgo qui metà del mio lavoro) il lavoro estremamente efficiente, fatto da Volkspartei per amministrare, far crescere e sviluppare la comunità del gruppo tedesco, coniugando sviluppo, identità, ed appartenenza. Oggi il Sudtirolo italiano, soprattutto nella sua parte in forte sviluppo (anche demografico), che è il gruppo tedesco, continua ad essere una comunità fortemente coesa, promuovendo da una parte industrie di avanguardia, e mantenendo d’altra parte tutta la rete di formazioni in arti e mestieri tradizionali (le “corporazioni” tanto vilipese in Italia, dai liberisti più incauti a Bersani), che costituiscono la solida trama in cui si trasmettono non solo i saperi, ma anche i modi e le visioni di vita della società. Strumento vivente di quella “fedeltà alla tradizione” di cui parla Giussani nel rischio educativo. La riforma Moratti, strumento pratico, per nulla ideologico, come chi l’ha promosso, voleva togliere di mezzo l’impianto intellettualistico della scuola italiana, per rimetterla nella società, ad educarla, e farsene educare. Di questo ha bisogno una comunità vivente. I sud tirolesi, gente pratica, l’hanno capito. Quindi dicono no al governo, alleato tattico, per difendere i veri interlocutori: i loro figli.

Annunci

One Response to Bolzano vs. Roma. Per i figli

  1. Mario says:

    Già..per una volta si dia ragione alla SvP, che a volte è lungimirante ed è stata in grado di salvaguardare, tutelare e mantenere coeso il popolo sudtirolese, con enorme spirito pratico, ha ragione Risè, mentre partiti e partitucoli italini stanno a bocca aperta senza saper bene cosa fare, alzando la voce ogni tanto contro qualche spaventapassero, per poi tornare a scondinzolare dietro al partito che la fa , giustamente a questo punto, da padrone

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: