Computer e TV nell’educazione

Claudio Risé, da “Tempi”, 1 marzo 2007, www.tempi.it

Non è banale che Bill Gates, che grazie ai computer è diventato l’uomo più ricco del mondo, dichiari pubblicamente di concedere ai figli non più di 45 minuti al giorno per giocare coi computer. Così come non è banale che Silvio Berlusconi, grande proprietario di televisioni private in italia e in altri paesi, abbia fatto tre figli con una signora che ritiene opportuno limitare il tempo dei giovani di fronte alla T.V., e che ha messo al mondo il suo ultimogenito in una sobria clinica svizzera steineriana, piena di riproduzioni di Madonne di Raffello, ma del tutto priva di televisioni. Sono posizioni diverse nei toni. Più esplicita quella di Bill Gates, secondo la tradizione americana di pubblicizzare l’impegno civile, che lì diventa un elemento positivo dell’immagine, e della stessa impresa. Più ambigua quella di Berlusconi, più vicina al costume italiano, dove non è così sicuro che l’impegno etico-sociale serva, neppure all’immagine. Nella sostanza, però, dicono la stessa cosa.
Vale a dire: badate che i grandi strumenti della società della comunicazione vanno usati con attenzione. Qualità che devono essere sviluppate già a partire dall’educazione dei figli, e dallo stile di comunicazione della famiglia. E’ dunque (in gran parte) falsa la rappresentazione del grande capitalismo dell’informazione come un cieco predatore, disposto a distruggere la società pur di far soldi. Atteggiamento, del resto, contrario alla natura del capitalismo, sempre (più o meno) attento a non distruggere, anzi sviluppare, la società, cui sono legate le sue stesse fortune.
Il richiamo alla cautela da parte dei grandi produttori dei nuovi strumenti informativi, rende però più evidente la carenza da parte di chi ha il compito di insegnare ad usare media, computer, ed, in genere, tutti i nuovi strumenti di comunicazione: i responsabili dell’educazione e della cultura. Computer e televisione, non sono solo beni di consumo, come li descrive la sinistra “che ha sbagliato secolo” (così la chiamano i suoi aderenti più accorti). Sono strumenti centrali nella formazione delle persone, e nel loro sviluppo culturale e professionale. Come “il caimano” aveva più volte ripetuto, e Letizia Moratti cercato di realizzare, nel loro molto criticato insistere su Internet, e inglese nelle scuole.
Questa cultura, dell’attenzione a potenzialità e rischi dei nuovi strumenti di comunicazione, è poi naufragata nel provincialismo della gestione prodiana della scuola. Dove i telefonini diventano soprattutto un veicolo di immagini pornografiche, anche perché nessuno spiega ai ragazzi che possono essere tante altre cose, dalla ricezione di informazioni, alla produzione di immagini e produzioni creative.
Tutto questo, che sfugge completamente a gran parte dei politici, non viene riconosciuto, quindi, neppure in una buona fetta delle famiglie. Invece, sulla conoscenza delle potenzialità, e dei rischi, dei nuovi strumenti informativi, si gioca lo sviluppo dei nostri figli. Ricordiamocene.

Annunci

One Response to Computer e TV nell’educazione

  1. gigi says:

    Effettivamente mi risulta che in alcune università vengano fatti ottimi corsi sulla media education ai futuri insegnanti. Credo sia il frutto della gestione Moratti della scuola (e della fiducia dimostrata verso i corsi di specializzazione per insegnanti, le famose SISS, che ritengo molto valide). Ad esempio alla SSIS della Cattolica di Milano uno dei corsi più densi e tosti è proprio quello, temibile perchè il docente che lo tiene è ottimamente preparato e fa lavorare davvero la gente. Tra l’altro lo stesso docente, Pier Cesare Rivoltella, ha pubblicato per Vita e Pensiero una ricerca francese recente sul modo in cui i ragazzi usano media e multi media che sarebbe interessante per vedere per evitare di demonizzare o galvanizzare questi strumenti: conoscerli, conoscere l’uso che ne fanno i ragazzi, per utilizzarli nel modo corretto in educazione e insegnare ai ragazzi come usarli in modo utile e responsabile. Certo che finchè il governo Prodi facilita la ricarica dei cellulari e i genitori prendono a pugni i presidi nelle scuole perchè tolgono ai ragazzi i cellulari per poter svolgere le lezioni..,.
    gigi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: