Stanislav Grof e l’Lsd. Viaggi oltre l’Io

Claudio Risé, da “Liberal”, n. 39, marzo-aprile 2007, www.liberalfondazione.it

Fa uno strano effetto, leggere: Quando accade l’impossibile. Avventure in realtà non ordinarie, dello psichiatra Stanislav Grof (Urra-Apogeo editore, 2006, E. 18,00). In fondo parla di cose di solo cinquant’anni fa, eppure ha il sapore di una narrazione di altra epoca, come certi récits di viaggiatori del sette, o ottocento. L’autore, ceko di nascita, emigrato negli USA dopo la repressione comunista della “primavera di Praga” è stato uno dei più interessanti protagonisti della stagione psicoterapeutica, e di costume degli anni ’70. Grof è noto per avere sperimentato clinicamente in più modi, raccontati in questo libro, stati di coscienza alterati.
Questo orientamento terapeutico, che va al di là dell’Io e del suo abituale modo di vedere le cose, è stato chiamato da Grof e altri, psicologia transpersonale (che va al di là dell’Io, alla ricerca di una rete di comunicazioni più ampie e profonde). Grof si avvalse nel suo lavoro di una scoperta il cui uso in psichiatria era relativamente recente, l’LSD, ed anche di culture di popoli tradizionali (come gli indiani d’america, ed altri), da cui riprese le tecniche di “respirazione olotropica”.
L’uso dell’LSD nei trattamenti psichiatrici è stato ormai abbandonato da tempo, mentre la respirazione olotropica continua a godere di una certa popolarità. Riviste da oggi però, le esperienze di Grof, anche per l’entusiasmo un po’ enfatico ed impreciso con cui le presenta, destano più di una perplessità. Ha individuato diverse piste interessanti, ma nel modo in fondo consumistico dell’Occidente di quegli anni, che, infatti, sarebbe finito di lì a poco nello sconcertante calderone New Age.
Nel suo rapporto con l’LSD manca del tutto, ad esempio, lo spessore del suo scopritore, lo scienziato Albert Hofmann (ha compiuto 100 anni due anni fa), che arrivò a studiare il fungo velenoso della segale cornuta perché affascinato da come «Ogni cosa nasce dal sole per mezzo del regno vegetale», che trasforma la luce del sole nel presupposto stesso della vita per i nostri corpi. Hofmann era rimasto segnato da un’esperienza di natura incontaminata provata da ragazzo, in un sentiero nella foresta. Egli sapeva bene, quanto «è pericoloso perdere contatto con la natura vivente. Nelle grandi città ci sono persone che non hanno mai visto la natura vivente, e dove ogni cosa è prodotta dagli uomini». E quando sintetizzò l’LSD, e lo sperimentò su di sé, ebbe l’impressione di riprovare quell’esperienza della totalità incontrata da ragazzo nel bosco.
Nel 1951 Hofmann ne scrisse al romanziere tedesco Ernst Jünger, che aveva fatto esperimenti con la mescalina, e che era ugualmente preoccupato del carattere devastante del “mondo fabbricato” e della necessità di ritrovare la forza primordiale della natura della foresta, proponendogli di assumere insieme l’LSD. Presero 0,05 milligrammi di acido puro a casa di Hofmann, in un’atmosfera piena di rose, inondata dalla musica di Mozart, impregnata d’incenso. Da quel “primo test psichedelico programmato” di questi due saggi studiosi dell’umano, prese il via un percorso avventuroso, ma anche avventuristico, che invece di ricercare con rispetto sacrale l’humus della foresta si perse in curiosità tipiche delle prepotenti signore californiane che regnavano sull’Esalen Institut di Big Sur, dove Grof lavorò a lungo.
Dalle incursioni psichedeliche nelle “vite precedenti”, a quelle nei templi Maya, con l’Lsd nella pancia, rischiando di farsi mangiare dalle formiche. Salti nel vuoto, con una solida rete, che attutì molte cadute: la psicologia analitica, di uno svizzero coi piedi per terra: Carl Gustav Jung.

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: