La formazione di nuove identità

Claudio Risé, da “Tempi”, 3 maggio 2007, www.tempi.it

Il malessere contemporaneo deriva – ce lo illustrano tragedie quotidiane – dal tentativo relativista di negare l’importanza delle identità, e delle appartenenze da cui sono alimentate. Non possiamo però pensare che si tratti semplicemente di proseguire le identità di ieri: il mondo è in fortissimo movimento (basta pensare alle migrazioni), e stare nel proprio tempo significa, oggi come sempre, raccoglierne le sfide.
La ricchezza della globalizzazione è anche questa, e quando il Patriarca di Venezia Angelo Scola parla di meticciato come caratteristica della condizione postmoderna (ma forse anche di quella umana di sempre) illustra – mi sembra – anche questo enorme processo di incontri, di mescolanze, di nuove identità in formazione.
Non si tratta dunque di arroccarsi in immaginarie identità “tradizionali”, immutabili, imbalsamate e senza vita. Occorre piuttosto riconoscere tutta la ricchezza delle tradizioni che costituivano le appartenenze di ieri, per sostituire all’“uomo vuoto” dunque disperato, cantato da Eliot e prodotto dal relativismo, un uomo tranquillamente consapevole delle sfide del tempo, e forte di nuove sintesi identitarie e culturali, costruite pazientemente con la grande ricchezza di materiali antropologici e culturali che l’oggi ci offre.
Cho, lo studente che ha compiuto la strage in Virginia, era di origine coreana, i milanesi inquieti attorno a via Paolo Sarpi sono cinesi, gli incendiari delle banlieues sono islamici nordafricani. Ognuna di queste situazioni ci presenta identità d’origine piuttosto forti, e identità di arrivo autoindebolite da una visione relativista che nega l’importanza di culture e tradizioni, provocando quindi reazioni aggressive e distruttive.
E’ proprio questo modo di relazionarsi con l’altro, improntato ad un buonismo banalizzante, che rende l’incontro impossibile, e lo trasforma in uno scontro, strisciante od esplicito. Perché l’incontro avvenga davvero, infatti, occorre che le identità di chi accoglie e di chi viene accolto, e le rispettive appartenenze, vengano identificate e valorizzate con precisione, e non sbiadite e ridotte a disvalore, o a qualcosa di irrilevante.
E’ quel che accade – del resto – anche nell’incontro tra due persone: sarà tanto più ricco quanto più definito sarà l’Io dei due che si incontrano, consapevole delle appartenenze da cui si alimentano.
Se l’incontro avviene davvero però, esso non dà luogo ad un persistere delle culture così com’erano, in un multiculturalismo gelido, che esiste solo negli schematismi sociologici. Se l’incontro avviene realmente, nel rispetto delle rispettive identità e tradizioni, mette in moto un vero cambiamento, di tutti, che finisce col far uscire gli aspetti più vitali di ogni tradizione.
Ecco perché il rispetto delle identità ne fa nascere di nuove e adeguate alla nuova situazione, mentre la loro svalutazione porta o a un’implosione identitaria depressiva e suicidale, come nei gruppi che non si riproducono più, o ad esplosioni di violenza.

Annunci

One Response to La formazione di nuove identità

  1. Marianna says:

    Credo che lei abbia colto un aspetto fondamentale che, peraltro, mi sta molto a cuore, ovvero ha sottolineato il problema della consapevolezza di se’, reciproca nell’ambito di un incontro, individuale nell’intimo rapporto con se stessi. Oggi è soprattutto questa “mancanza di se'”, questo mostrarsi senza credersi che mi spaventano, perchè ogni volta che ripercorro, piano piano, le sequenze comunicative che mi hanno posto in relazione rispetto a chi, poco fa, mi stava di fronte, la sensazione che serpeggia insidiosa è sempre quella che mi conduce a pensare di non aver parlato di niente, di non aver incontrato nessuno.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: