Gli USA riscoprono la famiglia

Claudio Risé, da “Il Mattino di Napoli” del lunedì, 28 maggio 2007

Gli anni 70 stanno finendo ora, in tutto il mondo occidentale. Si sono prolungati per quasi un quarantennio: finché non sono finiti i soldi che hanno ispirato quello stile di vita, e non si sono accumulate le statistiche sui guai che comportava. Uno dei miti degli anni 70 più in crisi oggi è quello della “fine della famiglia”. A svelarlo sono (con molti altri indicatori), i dati di provenienza dagli Stati Uniti, dove quella crisi era più profonda, e pervasiva.
All’inizio del millennio i dati erano disastrosi: un matrimonio su due, negli Stati Uniti, finiva con un divorzio, e la previsione era quella di arrivare, nel giro di quindici anni, a due su tre. Da allora le cose hanno preso una piega diversa. Quella tendenza resta forte nelle classi sociali con scarsa istruzione, che le colloca ai livelli più bassi della società americana. Fra loro la percentuale è sempre quella: un matrimonio su due salta. Anche per la persistenza, nei gruppi meno istruiti, dei miti edonistici degli anni 70, ancora diffusi dagli strumenti più popolari del sistema delle comunicazioni: svalutazione del sacrificio, mito del piacere immediato e prolungato, preferenza all’appagamento dell’Ego rispetto a progetti condivisi e di lungo respiro, meno smaccatamente “brillanti”.
I meno istruiti (che nel sistema scolastico americano non sono istruiti affatto), credono ancora in quel mito del “tutto e subito” che, appunto dagli anni 70, ha ben dimostrato, anche in Europa, i suoi effetti di indebolimento, e potenziale dissoluzione sulla personalità dell’individuo, e sulla comunità in cui vive.
Tra le coppie con istruzione universitaria però, che rappresentano la tipica “classe media americana”, la percentuale dei divorzi è fortemente diminuita, finendo per collocarsi attorno al 16%, poco più di uno e mezzo su dieci. E la tendenza continua: divorziare non è più di moda, ed è sempre più spesso considerata una jattura.
Come mai un cambiamento di mentalità così profondo, nel giro di poco più di un quindicennio (l’anno di svolta, in questo come in moltissimi fenomeni sociali internazionali, è stato il 1990)? Le constatazioni empiriche hanno certamente fatto la loro parte. La diffusione continua dei divorzi produceva povertà per tutti: per le donne, per gli uomini, per lo Stato. Gli uomini espulsi dalle famiglie dalle sentenze di divorzio, col loro carico di “alimenti”, la casa perduta e lasciata alla moglie e ai figli, sono diventati tutti molto più poveri, e molti sono finiti con l’infoltire le schiere degli homeless, dei senza casa.
Anche le donne, senza il sostegno affettivo e fisico, di un compagno stabile, non se la sono passata bene, diventando molto spesso le prime clienti di presidi psichiatrici, o scivolando in dipendenze alimentari, o da sostanze tossiche. Lo Stato, poi, ha speso nell’amministrare la “fabbrica dei divorzi” (giudici, esperti, servizi sociali per il controllo dei trasferimenti dei fondi dai padri alle mogli – figli, e per il controllo dei minori) molto di più che per la lotta all’alcool ed alle droghe sommate tra loro.
Sull’indebolimento del divorzismo hanno poi influito considerazioni di benessere fisico. In due si sta meglio, si vive più a lungo, ci si ammala meno, si hanno meno problemi psichici. La coppia, che diventa famiglia con l’arrivo dei figli, è una società naturale profondamente iscritta nella psiche umana. Se ne può fare a meno, ma non tutti reggono le privazioni legate a questa mancanza.
Inoltre, la famiglia duratura ispira negli esseri umani un progetto capace di mobilitare le loro energie migliori, affezionandoli alla loro vita, e migliorandola.

Annunci

2 Responses to Gli USA riscoprono la famiglia

  1. loseste says:

    Grazie senz’altro per le attente (e utili) analisi.
    Il più grande conforto però lo riceviamo nel sapere che nel nostro commino non siamo soli.
    Ci conforta anche pensare che la ferita contrassegna il nostro essere e così manteniamo la forza per andare avanti, sapendo che sarà riconosciuta e amata dai nostri figli,
    sapendo che proseguiranno il cammino, testimoni e portatori di un messaggio di armonia e di felicità suprema.

  2. Roberto L. Ziani says:

    Molto interessante. Mi chiedo tuttavia come mai allora nella maggioranza delle produzioni cine- e tele-visive made in USA attualmente realizzate il protagonista continui ad essere un/a giovane divorziato/a. Capisco che il fatto contribuisca a disegnare il background del personaggio dotandolo di una certa profondità che altrimenti andrebbe rivelata con ulteriori scene e dialoghi che appesantirebbero costi e durata del film/telefilm, mentre quando vi si dipinge “un giovane divorziato” s’insinuano subito nello spettatore un paio di caratteristiche probabili del character in questione (ha amato; è stato abbandonato/tradito oppure ha abbandonato/tradito egli; cercherà un nuovo partner oppure girerà al largo dai potenziali temendo nuove ferite, ecc.). Non escluderei che la cosa derivi dal fatto che tale figura è socialmente normale oltreoceano, e purtroppo tutt’altro che in regresso.
    Controtendenze hollywoodiane, ritardi di adattamento, o semplice convenienza?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: