Un giudice spagnolo, e il “lumen naturae”

Claudio Risé, da “Tempi”, 2 agosto 2007, www.tempi.it

Un giudice spagnolo ha detto che il re è nudo. E naturalmente è subito scoppiato un putiferio tra i cortigiani dello Stato. La nudità non riguarda, va da sé, il Borbone a capo della nazione spagnola, ma piuttosto quel sovrano impersonale, quel pensiero unico così diffuso in Occidente, che in Spagna ha ottenuto, tra l’altro, una legge del 2005 che dice che il matrimonio è l’unione tra due persone. Quindi due individui dello stesso sesso possono, oltre che sposarsi, avere bambini, in affidamento o in altri modi.
Beh, il giudice Fernando Ferrin Calamita, responsabile per la famiglia nel sud-ovest del paese, ha tolto a una madre la custodia delle due figlie, di 6 e 12 anni, perché lesbica. E le ha affidate al padre.
Naturalmente tutti gridano all’omofobia. Il giudice però non ha detto nulla a proposito delle virtù o dei misfatti dell’omoerotismo. Ha detto solo che due genitori dello stesso sesso molto difficilmente possono impartire un’educazione capace di integrare nella personalità sia la componente psichica maschile che quella femminile. E con un tranquillo rimando a quello che lo psicologo Jung, più dottamente, chiamava il “lumen naturae”, ha aggiunto: «Non è necessario essere uno specialista in psicologia per comprendere questo, lo dice chiaramente il senso comune». Riferimento prezioso per leggi e sentenze, se soltanto si tornasse a pensarci.
La storia è questa. Due anni fa il marito sorprende la moglie in azione con un’altra donna. Chiede il divorzio, le bimbe vengono affidate alla madre, come da default, il padre ricorre e il giudice Ferrin Calamita, che richiama nel nome proprio i fabbri, antichi celebratori di matrimoni, le ridà al padre.
La sentenza non sbrodola in giudizi su inclinazioni e comportamenti sessuali. Semplicemente: la convivenza omosessuale non garantisce a sufficienza «l’educazione e la tutela delle figlie». Perché, appunto, principio maschile e femminile non vi sono equamente rappresentati. Di questo si tratta.
Su questo tema, peraltro, il materiale clinico accumulato in trent’anni di convivenze omosessuali diffuse in Occidente è eloquente. Come il caso di quel ragazzo diciottenne cresciuto in America da una coppia di lesbiche, note e apprezzate nell’ambiente intellettuale newyorkese, che sognava di frequente di correre nella notte con un branco di lupe. Nel suo sogno gli animali arrivavano a un fiume, nel quale si specchiavano, vedendo riflesso il proprio volto e il proprio corpo. Le lupe, la madre e le sue amiche, vedevano distintamente la propria immagine. Quando era lui, però, a specchiarsi nel fiume, vedeva solo un alone confuso. Era la sua immagine, sia corporea che psicologica, a essere confusa, perché non aveva avuto padre e il mondo maschile era stato solo parzialmente presente nella socialità selezionata dalla due donne.
Ecco cosa rischiano i figli di un solo sesso: una personalità che non riesce a prendere una forma definita, perché l’altro è mancato.
Il giudice Ferrin Calamita l’ha spiegato semplicemente, ma bene. E ora il re nudo cercherà di annullare la sua sentenza. Forse ci riuscirà. Ma una verità detta, e scritta, è difficile da cancellare dalla memoria collettiva.

Annunci

4 Responses to Un giudice spagnolo, e il “lumen naturae”

  1. armando says:

    C’è, nella cultura prevalente in Occidente, una furia distruggitrice di tutto ciò che appare retaggio del passato, come se tutto fosse sbagliato o frutto di pregidudizi. Mi sembra un segno di profonda inquietudine e insieme di onnipotenza infantile. Quando ci risveglieremo da questo incubo faremo la conta dei danni e delle generazioni che sono state bruciate. Ben venga allora la saggezza di quel giudice che con quella sentenza stimola il riemergere di ciò che nel profondo dei popoli non può essere morto, semmai solo dimenticato o taciuto per timore di essere etichettati come oscurantisti dalle potenti lobbies che ci governano.

  2. Pingback: L'albatros

  3. La (fuori)uscita di Veronesi di questi giorni è drammaticamente chiara sul livello verso cui si sta tragicamente orientando la “cultura” occidentale.

  4. Pingback: Pseudo Pensieri Di Una Mente Banale

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: