La Grande Madre Diana Spencer

Claudio Risé, da “Il Mattino di Napoli” del lunedì, 3 settembre 2007

Diana Spencer, già divinizzata dalle masse, è ora sacralizzata anche dai suoi figli. La cerimonia organizzata dai principi William e Harry per ricordare pubblicamente la madre morta dieci anni fa è un evento del tutto speciale. Innanzitutto, è la prima volta nel mondo contemporaneo che membri di una famiglia a capo dello Stato (ad eccezione dei dittatori), condividono in una cerimonia religiosa col popolo, ed in questo caso col mondo intero, la commemorazione di un loro lutto.
Consapevoli o no, essi hanno così portato nell’ambito del sacro (rafforzato dal fatto che il Re d’Inghilterra è anche capo della Chiesa anglicana), la figura e il ricordo della loro madre, Diana, già divenuta oggetto di culto popolare.
Come ha detto una grande esperta di comunicazione, la giornalista Tina Brown, ex direttrice di Vanity Fair, e autrice di un libro su Diana, «a far sì che il mondo non la scordi mai sarà suo figlio. Che, una volta Re, assicurerà all’adorata mamma un posto speciale nell’Olimpo dei grandi».
Ma sull’Olimpo ci stavano gli dei. Quella che è stata celebrata nella Cappella delle guardie di Londra, rompendo l’intimità di un lutto familiare, benché regale, è stata dunque la sacralizzazione di una figura pubblica, contemporaneamente principessa, star mediatica, e guru di un suo popolo adorante, appunto “il popolo di Diana”. Infatti, già in vita, e subito con la sua morte misteriosa e drammatica, Diana Spencer aveva avuto la capacità di entrare fra le figure divinizzate dalla cultura di massa, assieme a Elvis Presley (per il quale, come per lei, alcuni discepoli sostengono che non sia mai morto), o Marilyn Monroe.
Siamo quindi di fronte ad un fenomeno modernissimo, la sacralizzazione dei divi dello star system, tra i quali è entrata per la prima volta la principessa della più potente monarchia occidentale.
In questo evento però, è presente anche un fenomeno molto antico, anzi arcaico. E’infatti nell’epoca premoderna che il popolo veniva coinvolto nella celebrazione religiosa di figure del potere regale. Ciò accadeva, ad esempio, per i faraoni di Egitto, una monarchia di ispirazione matriarcale, ed in genere nelle monarchie orientali, dove la regalità era connotata fortemente di aspetti religiosi. Nella più sobria età classica, fu invece nella decadenza romana che il culto sacrale della madre divinizzata dell’imperatore divenne frequente, coinvolgendo il popolo in celebrazioni prima impensabili.
L’Archetipo dell’inconscio collettivo attivato in queste celebrazioni già di massa era quello della Grande Madre, potente allora nel mondo mediterraneo e nel subcontinente indiano, e onorato per la sua relazione con la vita e il piacere.
Questo fatto, che finora le madri di Re celebrate con manifestazioni religiose fossero emanazioni del culto della Grande Madre, ci può aiutare a capire alcune tendenze della cultura contemporanea, che sono anche presenti, oggi, nella popolarità globale di Diana Spencer.
«Lei amava la vita e gli svaghi», ha detto della madre il principe Harry nella cerimonia di commemorazione. Aggiungendo: «Ci ha reso felici, ed ha reso felici tante altre persone». L’amore per la vita e lo svago, così come il portare la felicità, magari a prezzo di trasgressioni, sono appunto caratteristiche della Grande Madre e del suo culto. Che si contrappone a quello di divinità più tarde, con contenuti più educativi, come appunto Apollo, o Minerva Atena (fondatrice del Tribunale), che caratterizzarono il culmine della civiltà greco-romana.
Il culto della Grande Madre Diana è lì: tra postmodernità e arcaismo, potenza imperiale e decadenza.

Annunci

5 Responses to La Grande Madre Diana Spencer

  1. Giuliana says:

    Caro dott. Risè,
    un po’ di anni fa, Indro Montanelli a proposito della morte di Aldo Moro, scriveva più o meno: “quando piccoli uomini creano grandi ombre, state sicuri che il sole sta per tramontare”. Chissà perchè è la sola cosa che mi viene in mente pensando a Lady D. Almeno Elvis aveva una voce stupenda. E Marilyn una bellezza senza pari e una sensualità soprannaturale. Ovvio volerli immortali. Non è eccessivo attribuire ad una misera Lady D. addirittura l’archetipo della Grande Madre? La Grande Madre non era datrice di vita e di morte? onnipotente? affascinante e terribile? Suvvia, non sminuiamola così! La Grande Madre al limite poteva far fuori Carlo, non farsi ammazzare per evitare una foto!

    Cordiali saluti,
    Giuliana

  2. Roberto L. Ziani says:

    E’ il secolo delle esagerazioni, prof.Risè: passi l’ovvio amore filiale, ma il cosiddetto principino (individuo dai comportamenti ben poco regali) quando definisce la defunta “miglior madre del mondo” per me si copre solo di ridicolo; forse lui si è dimenticato dei numerosi flirt extraconiugali a tutti noti? Oppure distingue il ruolo di madre da quello di moglie? Personalmente li trovo inscindibili, e dunque di questo nuovo culto laico faccio tranquillamente a meno (e l’impegno anti-mine non centra proprio).
    La saluto.
    RLZ

  3. armando says:

    Finalmente un commento non agiografico sul culto della principessa Diana, ma che anzi svela aspetti dell’inconscio collettivo. Confesso che sono sempre stato infastidito da questi deliri collettivi (anche quelli per Elvis), per me sintomo di regressione a stati precoscenziali molto pericolosi. Il che non significa ovviamente negare stima e ammirazione a chi la merita.
    armando

  4. rossella marcenaro says:

    mi chiamo Rossella e sono l’autrice di un libro sulla principessa Diana.
    COncordo col discorso in discussione e cioè sull’esagerazione nell’esaltare una persona.
    Credo però che le forti emozioni cosi palesemente dimostrate subito dopo la sua morte non siano stato altro che un’espressione di dolore vero.
    in u8n mondo dove non ci sono più ideali e dove le notizie fanno scalpore solo se esistono delitti, reati di ogni tipo talvolta si tende a focalizzarsi su personaggi poitivi.
    Diana era un personaggio positivo che sfiorò l0anima di tantissima gente.
    Non certo perchè era bella o aveva fascino… diana era qualcosa di più
    Una sua luce particolare che sapeva irradiare in ogni circistanza.
    Il suo prodigarsi per le lotte umanitarie, la sua abnegazione in ciò che credeva
    Alla fine è questo quello che conta….
    Era solo un mio pensiero
    Con simpatia Rossella Marcenaro

  5. francesco toni says:

    grazie mille professore per le sue analisi profonde e realmente controcorrente , frutto di un analisi attenta ed intelligente nei confronti della realta’ che spesso non e’ cosi’ semplice ed immediata come ci appare

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: