La passione per la crudeltà proibita

Claudio Risé, da “Il Mattino di Napoli” del lunedì, 5 novembre 2007, www.ilmattino.it

Perché ai ragazzi piace tanto l’horror? Si va dall’inventarsi una festa gotica, Halloween, a girare un filmino sulla violenza, o addirittura sull’omicidio. Come quello del quindicenne danese che ha picchiato e ucciso un passante, filmando le fasi delle violenze e della morte, e diffondendole poi con lo stesso cellulare. La rappresentazione della violenza sembra ipnotizzare i giovanissimi, che la diffondono poi tra gli amici (ma anche gli sconosciuti, via web), come qualcosa di prezioso.
Questa trasmissione conturbante avviene con la stessa complicità con cui in tempi di proibizionismo sessuale gli adolescenti si passavano le immagini audaci che riuscivano a trovare in giro. E forse questo tratto ci aiuta a capire il perché della popolarità dell’orrore, e come mai gli adolescenti ne venerino le immagini, fino ad arrivare (a volte) a realizzarle essi stessi.
La società di oggi, infatti, non proibisce più quasi per nulla, fin dall’infanzia, il vecchio tabù, il sesso, che viene anzi minuziosamente spiegato, giustificato e rappresentato. Mentre per secoli l’infanzia e adolescenza era stata trattata, da parte degli adulti come l’età del mistero e del tabù sessuale, oggi si mostra, e si spiega subito, tutto il possibile, ed anche l’impossibile.
Il famoso manifesto della Regione Toscana del neonato con al polso il braccialetto con la scritta “homosexual”, mostra (anche) la strana fretta (in barba alla scienza che sa che sviluppo e orientamento sessuale sono invece graduali nell’essere umano), di svelare, e sistemare tutto subito, fin dalla nascita, quasi si volesse chiudere al più presto la questione.
Uno dei risultati di questo svelamento ansiosamente precoce, e spesso condotto su informazioni immaginarie e superficiali, è che il sesso è diventato, per i giovani, piuttosto noioso e poco interessante. Questa rubrica lo ha raccontato, coi dati statistici e di cronaca che illustrano la tendenza.
Questo stesso tempo, che ha sdoganato l’osservazione infantile della sessualità, contemporaneamente ha però proibito a bambini ed adolescenti di familiarizzarsi con un inquietante sentimento umano verso il quale prima gli adulti lasciavano loro (più o meno ipocritamente) via libera: la crudeltà. Un lato negativo, e problematico, della personalità umana, ma che ogni individuo ha in sé, fin da bambino, e nel quale deve appunto addestrarsi, per superarla.
Gli infiniti giochi infantili di tortura agli animali, le piccole torture o violenze con gli amici, i giochi crudeli e pericolosi, tutti quelli con le armi, e tantissimi altri spazi infantili ed adolescenziali, in parte tollerati o addirittura autorizzati, in parte segreti, servivano appunto a questa iniziazione alla crudeltà e alla violenza, decisiva nella formazione del maschio, ma presente anche nelle bambine.
Poi è arrivata la pedagogia politicamente corretta, l’animalismo pedagogico, con la sua fede nell’amore dei bimbi per gli animali e la sua rimozione verso il loro sadismo (anche vagamente scientifico: per vedere com’erano fatti). Solo pochi decenni dopo lo sviluppo della psicoanalisi, che dimostrò che per modificare le pulsioni umane distruttive bisogna prima conoscerle e consentire al bimbo di rappresentarsele, ha preso piede un buonismo pedagogico che, criminalizzando la violenza, sperava che sparisse.
E’ successo, naturalmente, il contrario. I ragazzini hanno smesso di tagliare le lucertole, ma hanno cominciato ad ammazzare i passanti. Filmando l’episodio, con lo stesso occhio indagatore, scientifico, col quale i loro padri seguivano le proprie tollerate efferatezze.

Advertisements

2 Responses to La passione per la crudeltà proibita

  1. Roberto L. Ziani says:

    Articolo accorato ed interessante; personalmente però penso che il manifestare indifferenza o familiarità con emozioni forti e immagini ributtanti sia un classico dell’emancipazione fai-da-te giovanile; i casi patologici sono tali che per provocare gli scoppi di violenza in costoro basterebbe loro qualsiasi cosa, anche Bud Spencer che colpisce con una pentola una comparsa; ma i giovani normali (99%) con la crudeltà “ci fanno le pose” e basta, non ci costruiscono il loro modo di rapportarsi alla realtà. Sbaglierò…
    E i seviziatori di poveri animaletti sono sempre stati una rara aberrazione.
    Saluti.
    RLZ

  2. Alessandro S. says:

    Sono nato e cresciuto in un piccolo paesino di montagna, dove si pratica(va) ancora l’agricoltura e quasi ogni famiglia aveva degli animali, (soprattutto mucche, maiali e galline, ma anche conigli e capre), che venivano uccisi e macellati direttamente per mangiarli. Noi bambini assistevamo questi episodi spesso cruenti, che ci colpivano, (io personalmente provavo pena per le bestie) ma poi tornavamo a giocare, e sapevamo da dove veniva la bistecca o il brodo della sera.
    Recentemente sono stato ad una manifestazione che commemora le antiche fiere di commercio del bestiame, ed è capitato di assistere alla nascita di un vitellino. Molti genitori hanno allontanato i propri figli (non su richiesta di questi ultimi), ritenendo evidentemente l’ evento troppo crudo. I miei figli hanno guardato, hanno chiesto spiegazioni ed hanno visto certamente una cosa che gli ha insegnato più di ogni libro sugli animali. Effettivamente ciò che abbiamo visto (e ciò che conservo del ricordo della mia infanzia), è piuttosto cruento (pulp si direbbe oggi), ma che ci piaccia o no, è così, o comunque c’è anche questo. Non credo che nascondendo gli aspetti della realtà che ci turbano, ci scuotono o semplicemente non ci piacciono, tali aspetti scompaiano dalla nostra vita, anzi. In questo senso quindi l’articolo, ha suscitato le riflessioni che ho riportato. P.S. I bimbi che sono rimasti hanno poi potuto vedere la tenerezza con cui la mucca accudiva il vitellino appena nato e applaudirlo quando è riuscito a levarsi in piedi.
    Cordialità.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: