Ricordare il passato per immaginare un futuro

Claudio Risé, da “Il Mattino di Napoli” del lunedì, 26 novembre 2007, www.ilmattino.it

Ricordare aiuta a guarire? A partire dalla fine dell’800, con i primi studi di Freud sulla psicoanalisi, fino a ieri, si è fermamente ritenuto di sì. All’inizio si frugava nella mente dell’individuo, alla ricerca individuale di un trauma originario. Negli ultimi anni si è allargata la tecnica, convocando interi gruppi, a volte masse di persone, impegnandole a «ricordare». Così si è fatto dopo l’11 settembre, dopo i grandi uragani caraibici o tsunami dell’Estremo Oriente. È servito? Non a molto.
Quasi inutili sono anche le grandi sedute di ricordo collettivo con cui l’individuo postmoderno cerca di rompere il silenzio della solitudine. Nelle palestre cittadine, negli agriturismo, nei conventi, si moltiplicano raduni a pagamento, dove la materia prima è, appunto, il ricordo. Sollecitato dal conduttore, il ricordo (torbido, o radioso, sempre emozionante), presentato con esitazione o con esibizionismo dai partecipanti, viene assorbito avidamente dal gruppo che poi lo commenta, a volte lo rappresenta come un evento teatrale, lo disegna.
Attorno a questi ricordi riaffiorati (o presenti da sempre nella psiche di chi li racconta), accadono, apparentemente, molte cose. Altri hanno ricordi simili, si emozionano, piangono. Quelle immagini che tornano dal passato stimolano, a volte, la decisione di cambiare aspetti della propria vita, come uno o più partecipanti annunciano solennemente di fare. Spesso, però, quando si torna a casa, nel quotidiano, sono poche le cose che cambiano davvero.
L’incontro, il workshop (come spesso si chiama), diventa solo una parentesi (dove magari si è fatta qualche nuova conoscenza che si fatica a non perdere), nell’esistenza di prima, con i problemi di sempre.
Anche la psicoterapia, che stenta a cambiare la vita quotidiana, si rifugia a volte in una caccia al ricordo, amplificato, ingrandito come una quinta di teatro, e sposta in esso l’origine delle fatiche di oggi. Un’ombra nera di un sogno che ti afferra, diventa così (con l’aiuto di qualche libera associazione), un padre, o un educatore molestatore. Il paziente si ritrova allora tra le mani una nuova sceneggiatura, sulla quale ritrascrivere la propria vita, le sue difficoltà, ed i suoi insuccessi. A partire da questi ricordi fabbricati tra sogni, fantasie, nostalgie, e paure infantili, sono poi state fatte denunce, processi, qualche accusato si è ucciso, qualche altro è stato fulminato dall’infarto, dicendosi innocente.
Oggi, dopo più di un secolo di psicoanalisi (ma Freud l’aveva già detto quasi subito), si sta finalmente capendo che il ricordo, da solo, non è sufficiente né a provare la propria verità, né a modificare la situazione psicologica di chi lo racconta. Altre terapie però, nate dopo e più in fretta, ancora non lo sanno.
La stessa scoperta si è infatti ripetuta, anche se in più grande stile, nelle rievocazioni dei grandi traumi collettivi, uragani, guerre, indotte da terapeuti specializzati nei sopravvissuti alle catastrofi naturali o artificiali. Molti esperti che hanno seguito queste esperienze ne hanno concluso che rievocare i ricordi traumatici in sedute collettive peggiora, anziché migliorare, la situazione delle persone. Il trauma è già stato assorbito a livello corporeo, con disturbi gastrointestinali, emicranie, dermatiti, e la psiche avrebbe piuttosto bisogno di messaggi ed immagini “correttive”, positive, anziché rafforzare e mantenere presente il ricordo di un evento da cui l’individuo (ed il gruppo) deve allontanarsi.
Non dobbiamo ricordare il passato per perdercisi, ma per immaginare un futuro.

Advertisements

5 Responses to Ricordare il passato per immaginare un futuro

  1. Roberto L. Ziani says:

    Mi perdonerà per il commento forse improprio, prof.Risè, ma le Sue parole mi hanno ricordato uno dei miei film preferiti: “Memento” di Christopher Nolan, nel quale un giovanotto afflitto da disturbi della memoria a breve cerca in tutti i modi di ricostruire ciò che gli è successo e che sta muovendo le sue azioni; il risultato non lo scrivo (non vorrei rovinare la sorpresa a chi non l’ha visto), comunque a metà circa della pellicola il protagonista (Guy Pearce) spiega al suo pseudo-amico (Joe Pantoliano) che la memoria è così ingannevole che la polizia infatti arresta in base a fatti e non a testimonianze, perchè la memoria può alterare tutto aldilà dell’immaginabile e creare grossi guai.
    Saluti.
    RLZ

  2. antonello says:

    E’ interessante il film “memento”: perso nella memoria (ridotta a un testo pro memoria fatto da tatuaggi che ogni mattina il protagonista cerca di ricostruire sulla sua pelle) il nostro che in un primo momento tendeva al bene (se così si può dire dato che voleva vendicare la morte della moglie) poi invece fa il male perchè si dimentica chi ha ucciso il giorno prima e va avanti in questo delirio all’infinito facendo un gran male a sè e agli altri
    antonello

  3. Pingback: Tracce e Sentieri

  4. Fabio B. says:

    il RICORDO da solo non basta, vero, ma per proiettarlo nel futuro bisogna avere una certa capacità ELABORATIVA, un brutto evento ad esempio può essere “traumatico” perchè da piccoli non si aveva tale capacità, ma può essere nuovamente traumatico (peggiorativo come Lei dice) se negli anni questa capacità non si è acquisita (magari perchè non abbiamo avuto una guida, un padre accanto) in questo senso una terapia di gruppo, un “workgroup”, è molto più sommaria di una terapia individuale (classica) e quindi rischia di non considerare questi aspetti cioè se la persona è pronta o no a “tornare” indietro ed affrontare i suoi mostri, i suoi ricordi problematici.

  5. armando says:

    Diciamo che il ricordo diventa negativo quando inchioda al passato, ma se esiste una guida e un indirizzo validi, è indispensabile per elaborarlo, collocarlo nella dimensione che gli è propria e andare avanti. Il passato diventa allora come un cofanetto chiuso, messo su un cassettone. E’ lì in vista, si sa cosa contiene, ma non c’è più bisogno di aprirlo. Diventa la memoria storica di ciascuno, che ha formato quello che oggi si è diventati, ma non impedisce più di vivere consapevolmente il presente.
    armando

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: