«Dimmi, cosa ti strugge?»

Claudio Risé, da “Tempi”, 10 gennaio 2008, www.tempi.it

Scrivere – mi è più evidente adesso, mentre riprendo questa rubrica dopo l’interruzione di fine anno – è questione delicata. Tu scrivi, le persone leggono, vivono le tue emozioni, le tue simpatie, la tua aggressività, seguono i tuoi ragionamenti: nuove risorse per loro, ma anche potenziali nuove gabbie, e possibili occasioni di nuove sordità (se si convincono, e poi incontrano cose diverse, anche autentiche, magari le ascoltano meno).
Anni fa seppi che avevano trovato il mio “Parsifal” nello zaino di un ragazzo annegato, non si sa se per incidente o volontariamente. Qualche mese fa il figlio di un mio attento lettore si è ucciso: sembra perché da qualche tempo gli impedivano di vedere il padre. Ma è comunque una tragedia che, quanto meno, non ho potuto impedire.
Questa sproporzione tra la forza (delle idee, delle convinzioni, ma a volte anche dei toni che usiamo, o della sordità con cui non ci apriamo) e la fragilità di chi le legge, le ascolta, o non viene ascoltato (che poi, naturalmente, non è diversa dalla nostra fragilità), mi spinge a parlare, in questo inizio di anno, della delicatezza dell’umano.
A Capodanno un figlio uccide la madre, una scrittrice, un’intellettuale, nel mezzo – pare di capire – di un delirio paranoide, in atto già da qualche giorno. La madre scrittrice e il padre professionista non si erano accorti, nei loro civili e separati percorsi, che qualcosa, in quel figlio, si era rotto, e che qualcos’altro, forse irreparabile, si stava preparando. Come per quell’altro ragazzo, anche quello di genitori colti, separati, che qualche mese fa si è buttato dalla finestra.
Certo, è difficile capire, ma non credo per ragioni tecniche. Non perché il delirio sia una categoria clinica, che solo chi l’ha studiata può riconoscere. Il punto vero è quello del dolore dell’altro e del nostro ascoltarlo, del nostro assumerne la responsabilità. Perché altrimenti, se non lo facciamo, l’altro si spezza, si rompe. E magari, in una crisi incontenibile, ci spezza. Perché l’altro, come noi del resto, è fragile, è delicato. Il suo equilibrio dipende da tante cose, che hanno nomi clinici e complicati. Ma alla fine una sola è quella decisiva: l’amore. Se non ce n’è abbastanza, o l’altro non lo percepisce, qualcosa, dentro, si spezza.
Il fatto è che il dolore dell’altro, come del resto il nostro, noi lo ascoltiamo sempre meno. Anche perché questo ascolto non ci viene presentato come così importante: l’accento del sistema di comunicazioni è sempre sulla forza, il successo, la realizzazione, l’assertività.
Tutto giusto, ma il balbettio, la parola smozzicata, la frase cominciata e non finita, chi li ascolta più? Chi si chiede cosa significano? Al marcire inesorabile del Re pescatore, degli infiniti Re pescatori che ci circondano (e noi stessi siamo), chi ci bada, nel delirio delle vacanze smaglianti, delle donne bellissime, degli uomini quasi onnipotenti di cui il sistema di comunicazioni ci riferisce eccitato ogni mossa, ogni sguardo volitivo? Quanto tempo deve passare, quante tragedie devono accadere attorno a noi, perché l’ottuso Parsifal dentro di noi finalmente si svegli e osi porre all’altro accanto a sé (che poi è anche se stesso) la domanda decisiva, la parola davvero risanante: «Dimmi, cosa ti strugge»?

Advertisements

4 Responses to «Dimmi, cosa ti strugge?»

  1. Pingback: Tracce e Sentieri

  2. armando says:

    Una sola parola. Bellissimo! Grazie Claudio per ricordarci sempre che nulla può supplire all’attenzione verso l’altro, all’ascolto del dolore dell’altro.
    Armando

  3. Pingback: portaminellabissodellatuanima

  4. Roberto L. Ziani says:

    Le considerazioni iniziali dell’articolo mi riportano alla mente un episodio capitatomi quando, ancora chierichetto, mi dissero che “la Bibbia una volta era vietato leggersela da soli, perchè poteva essere fraintesa”. Effettivamente molto dipende da chi ascolta. Le cose si possono travisare ed estremizzare se non vengono capite nel loro valore, oltrechè letterale, simbolico e da applicare concretamente al caso specifico (non “erga omnes” nè “hic et nunc”). “Cum grano salis”, quindi, perchè anche il miglior consiglio del miglior sapiente può generare un equivoco che produrrà una spirale negativa se non addirittura tragica. Non sarà colpa del sapiente, ma certo sarebbe bello sapere “chi” ci ascolta e cosa è capace di fraintendere. Chiaro, è probabilmente un chiedere troppo.
    Saluti.
    RLZ

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: