Il nuovo puritanesimo

Claudio Risé, da “Il Mattino di Napoli” del lunedì, 4 febbraio 2008, www.ilmattino.it

La sala operatoria invece della camera da letto. Quarant’anni dopo “la rivoluzione sessuale”, l’incontro tra i due sessi è minacciato da nuove e potenti forze. Allora chi si richiamava al progresso, e alle nuove scienze, si sforzava di liberare l’incontro tra uomo e donna dai numerosi vincoli che lo frenavano e regolavano. Oggi tecnoscienziati di grido, e governanti politicamente corretti lavorano per rendere inutile, e neppure nominabile, l’incontro tra il maschio e la femmina dell’uomo.
In questo neopuritanesimo la Chiesa è dall’altra parte. Benedetto XVI fin dalla sua prima enciclica, la “Deus caritas est” ha esaltato l’atto d’amore tra uomo e donna come un gesto di forte contenuto religioso, e la radio vaticana è in prima fila nella preoccupazione per la nuova sessuofobia tecnoscientifica.
Quarant’anni fa, la ricerca del piacere nella relazione era accompagnata dalla psicoanalisi: la forza del “godimento” lacaniano, del “desiderio” del filosofo Gilles Déleuze, della “totalità” che Jung vede rappresentata, appunto, dall’unione tra maschile e femminile. Oggi, in prima fila nel sogno di una riproduzione asessuata ci sono invece i tecnici della genetica, che propongono la sostituzione degli scenari ospedalieri dei prelievi e delle sale operatorie a quelli carichi di affettività delle camere da letto. Un tecnico in camice, con contorno di macchine, invece di un maschio, nudo.
Sarà davvero un affare per le donne? C’è da dubitarne. Di sicuro costerà di più, anche se pure molti uomini (e donne), comportavano prezzi da pagare. L’amore non si è sempre rivelato gratuito, ma almeno si poteva pensare che lo fosse, e comunque i variegati luoghi dell’intimità erano probabilmente più interessanti, ed emozionanti, di quelli precostituiti dalla burocrazia ospedaliera.
Nei nuovi scenari che si annunciano però (e l’insistenza fa pensare che non siano solo provocazioni mediatiche), un fenomeno appare con chiarezza: la cacciata dell’uomo dal ciclo riproduttivo. Era già stata annunciata dalle legislazioni abortiste, che gli toglievano quasi sempre (con particolare durezza in Italia), ogni diritto di parola sulla decisione della compagna di abortire il bimbo concepito con il suo seme. Con alcune conseguenze: l’esperienza psicoterapeutica dimostra che la disponibilità, ma anche la capacità, dell’uomo a generare, è direttamente legata alla sua sicurezza che il figlio faccia parte di un progetto condiviso dalla donna, e che la vita del piccolo non venga messa a rischio da ripensamenti successivi.
Certo, ci sono anche sempre stati, e ancora ci saranno, maschi irresponsabili, superficiali, o nevrotici, incapaci di assumersi la responsabilità riproduttiva. Nella sua maturità e integrità psichica e affettiva però, l’uomo si sente profondamente coinvolto nella riproduzione, e vive il suo fallimento (aborto compreso, perfino quando lui è consenziente), come una profonda ferita, ed un fallimento personale.
Come potrà vivere, l’uomo maschio, la sua eventuale espulsione dal processo riproduttivo? E come vive, già oggi, questi primi annunci del suo possibile destino di emarginazione? Sicuramente con tristezza, e rabbia. Se non servi a far continuare la vita, a livello profondo ti percepisci come inutile. Soprattutto se il tuo corpo, e la tua psiche, sono stati invece programmati per quello.
Nessuno protesti più, o si stupisca, per le depressioni dei maschi, o i loro incomprensibili scoppi di violenza. Sono i primi effetti dei tecnoscienziati onnipotenti, o dei politici che cancellano con un tratto di penna il non più nominabile nome del padre.

Advertisements

5 Responses to Il nuovo puritanesimo

  1. Gentile Dottor Risè,
    ha scritto un articolo favoloso che condivido in ogni parola. Ho 33 anni e l’ho letto insieme a mia madre: è rimasta sconvolta da tanta bruttura dell’universo femminile, lei donna che aveva 18 nel 1968.
    A presto rileggerla
    Antonio Romano

  2. giovane coppia says:

    grazie sig. Risè, io e la mia compagna, qualsiasi uomo o donna normali sono senz’altro inorriditi da questa orrenda mania di onnipotenza di certi poteri dominanti che così per qualche capriccio o interesse vorrebbero spazzare via dalla terra la metà della popolazione, siamo tutti esseri umani e tutti abbiamo gli stessi diritti alla vita!

    fabio e sonia

  3. debrando says:

    Che forse le donne diventeranno tutte lesbiche nel momento in cui gli uomini non saranno più strettamente necessari per la riproduzione?

    E che forse il sesso si fa solo per riprodursi?

    Che bizzarro chiamare “sessuofobia tecnoscientifica” le nuove tecniche contro la sterilità. Allo stesso modo bisognerebbe chiamare “cibofobia tecnoscientifica” quanto permette di alimentare via sondino.

    Ah, nel caso vi foste distratti: da anni è possibile alimentarsi senza muovere un muscolo, ma la Cucina è tutt’altro che scomparsa.

  4. enrico pagano says:

    grazie, Rise’, per questo Suo contributo.

    Perche’ Debrando, con i soliti paroloni che non aggiungono nulla ai suoi banali paradossi, finge di non capire la drammaticita’ del momento che vive l’umanita’?

  5. armando says:

    Nella Bibbia il demonio si servì di Eva per perdere lei stessa e il suo compagno Adamo. A me sembra si stia ripetendo la stessa cosa. Forze transpersonali fanno leva sul narcisismo e il senso di onnipotenza femminili, indotti a stimolati nel far credere alle donne di essere autosufficienti nel dare la vita, per eliminare dapprima il maschio/padre dalla scena della riproduzione ma poi, è certo, anche le donne stesse. Dovrebbe far riflettere che la moderna tecnoscienza, come il mitico demonio, abbiano eletto a loro strumento d’azione il genere femminile, quasi che puntassero su una sua maggior influenzabilità. Tanto maggiore risulta allora la responsabilità di quei maschi che, per sete di potere, per vanità o per acquiescenza e mancanza di coraggio, lasciano che le cose vadano senza dire una parola che è una. ù
    armando

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: