L’aborto è contro lo sviluppo sociale

Per la moratoria - Aborto? No, grazieClaudio Risé, da “Tempi”, 28 febbraio 2008, www.tempi.it

Attenzione: in ciò che dirò questa settimana, e fino alle elezioni, c’è un conflitto di interessi. Su proposta del direttore di Tempi, ho infatti deciso di presentarmi per la lista: Per la moratoria contro l’aborto. E da qui alle elezioni continuerò a presentarvi le mie ragioni per questa battaglia.
Cominciamo da qui: perché portare un tema come questo: “smettiamola di uccidere i bambini prima che nascano”, in una campagna elettorale dove si parla di far tornare i conti nelle tasche dei cittadini e dello Stato, di tutela dei diritti, e di sviluppo? Perché non considerarlo appunto un “problema di coscienza”, che ognuno si sistema come crede?
La risposta è semplice: perché in uno Stato maturo (non “emergente”, ma emerso da molto tempo), tutti i problemi politici dipendono dalla vitalità del paese. E la vitalità di un paese dove uccidere i bambini concepiti è considerato un problema di coscienza individuale, che non riguarda tutta la società, la sua capacità e desiderio di svilupparsi, è molto bassa. Come mai? Perché il bambino è la nuova vita, la storia che continua, il mondo di domani. Impedirgli di venire al mondo significa rifiutare lo sviluppo, il domani.
La battaglia contro l’aborto ha due facce. La prima, la più evidente, quella fondamentale, è quella di ogni tema “eticamente sensibile”: l’aborto è un male, e la sua pratica imbarbarisce la società, ed i suoi componenti. La cosa, però, non finisce qui.
Ogni tema “eticamente sensibile” ha un suo particolare modo di diffondere la malattia morale, nella società, indebolendola e degradandola. Nel caso dell’aborto, proprio l’evidente orrore dell’azione che viene compiuta rischia di sentimentalizzare il dibattito, consentendo a qualcuno di diversa origine e orientamento, come è accaduto, di chiedere il “silenzio”, sulla questione, per rispetto per chi, quasi sempre soffrendo, la compie.
Ma il rispetto, e l’affetto, per la donna che decide di abortire non deve far scomparire, il rispetto, e l’affetto per il bambino che già vive, ma non potrà nascere, e quello per la comunità cui apparteniamo, gli altri, la cui vita e le cui prospettive saranno profondamente toccate da quell’azione.
La storia, e l’antropologia sanno bene che l’atteggiamento verso il bambino è uno dei grandi indicatori del grado di vecchiaia, o di vitalità, di una civiltà. Quando la civiltà azteca cominciò a moltiplicare i sacrifici rituali dei bambini al Sole, cadde in una decadenza irreversibile. Lo studio della psiche umana conferma questo fatto. Una personalità vitale è devota al nuovo, ama i bambini, non distingue neppure tra lo sviluppo della propria esistenza e quello della loro: sente istintivamente che i due fenomeni vanno a comporre il fenomeno complessivo della crescita e dello sviluppo della vita. Si tratta di ciò che don Giussani chiamava un’esperienza elementare, che abbiamo già nel nostro cuore, e che ci indica la strada della realizzazione della nostra vita, e del nostro destino.
La vita nascente è la rappresentazione simbolica (e quindi molto reale, non intellettuale), di un mondo che continua, si sviluppa, e cresce. Ucciderla vuol dire ferire a morte lo sviluppo vitale di una società.
La battaglia contro l’aborto è una battaglia “buona”. E dal punto di vista politico è una battaglia per lo sviluppo.

Annunci

4 Responses to L’aborto è contro lo sviluppo sociale

  1. Lontana says:

    Vero.
    E infatti questa società del piacere, del carpe diem, dell’hic et nunc, delle parate gay, del commercio del sesso, della “qualità della vita”,della paura della sofferenza, puzza di morte.
    Non ha futuro e non vuole il futuro, é una società di depressi in rotta verso il suicidio.

  2. Stefania says:

    Le voglio segnalare, che e’ da qualche anno che le imprese di costruzione stanno costruendo palazzine i cui appartamenti che si trovano a piano terra hanno il giardino di proprieta’ e nessuno spazio in comune dove i figli dei residenti possano giocare insieme, socializzare tra loro e misurarsi con giochi di gruppo ecc., vedendosi dunque costretti ad andare sulla strada (sempre che oggi come oggi abbiano la fortuna di poter avere compagnia, altrimenti non resta loro che ritirarsi ognuno nella propria casa).
    Ritengo che anche questo modo di progettare le case sia un modo di aderire alla cultura della morte di cui Lei spesso parla nei Suoi articoli.

    Cordiali saluti, La sosterrò politicamente

  3. Pingback: IL FROMBOLIERE

  4. antonello says:

    Ben venga il conflitto di interessi, che oggi è temuto come tutti gli altri conflitti (basta andare a dormire tranquilli e nascondere, come lei dice, per mettere la coscienza a posto). Ben venga dunque dato che da questo conflitto può nascere una via che dia dignità alla nostra civiltà, tanto ricca quanto cieca. Senza lo sguardo d’amore verso i bambini non credo ci sia futuro. antonello

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: