Il voto ha sfrattato gli “ismi”

Claudio Risé, da “Tempi”, 24 aprile 2008, www.tempi.it

A guardarlo dalla selva, luogo dove si bada alla natura e alle sue leggi, e dove appunto risiede (almeno in spirito) il buon selvatico, il Parlamento uscito dalle ultime elezioni apre alla speranza. Innanzitutto perché non ci sono più gli “ismi”. È il primo Parlamento italiano dal quale scompaiono, contemporaneamente, i vari partiti comunisti, il partito socialista, il partito radicale e il partito liberale. La cosa è stata variamente deplorata: liquidazione della storia, barbarie in arrivo e così via. Ma è veramente così?
Non ho i riferimenti sottomano, ma i morti provocati dal socialismo reale e dalla fede nel comunismo, nel mondo, sono stati decine di milioni, ampiamente documentati. Anche il liberalismo e il radicalismo selvaggio non sono indenni da responsabilità. Ad esempio i cinque milioni di bambini soppressi prima della nascita in Italia negli ultimi trent’anni, perché la parte di “assistenza alla maternità” della legge sull’aborto non è mai stata realizzata, possono ringraziare (anche) un’interpretazione letterale del liberalismo, che ritiene che ognuno è libero di fare ciò che vuole. E quindi se la richiesta di viaggi alle Maldive è maggiore di quella di assistenza alla maternità, meglio incentivare i primi che realizzare la seconda.
Il liberalismo, per non parlare del liberismo, è spesso stato poco tenero con la vita; la Londra dello sfruttamento del lavoro minorile descritta da Dickens (e anche da Marx), era una città liberista, in un paese liberale. A vederla con occhi meno nostalgici, come sono appunto quelli di un selvatico che non ha particolari legami con questa o quella ideologia del passato, mentre ne ha, piuttosto saldi, col mondo della natura e della vita, l’uscita dei rappresentanti politici diretti di queste diverse ideologie è una vera liberazione. Finalmente si esce dai labirinti mentali del Novecento, si lasciano le ideologie che avevano trasformato l’Europa nella “terra desolata” descritta da Eliot, per rimettere i piedi sulla zolla di terra del bosco, piena di vita. Ora ci si può forse anche mettere una mano sul cuore e sentire come batte, cosa ci chiede.
Questo movimento, dalla testa ai piedi, passando per il cuore, è anche testimoniato dallo sviluppo delle forze più radicate nel territorio: i governatori regionali, la Lega, ma probabilmente anche l’Mpa di Lombardo in Sicilia. Il passaggio dal fumo confuso (e spesso persecutorio) delle ideologie alla concretezza e all’amore della realtà significa anche sviluppare un rapporto profondo con le realtà locali, e quella “fedeltà alle tradizioni” che le forze politiche più radicate e rappresentative del territorio conoscono. Il voto a queste forze, nuove, cresciute negli ultimi anni, è l’interfaccia della bocciatura ai partiti che rappresentavano le ideologie degli ultimi due secoli, ormai trapassate. Farsi realisticamente carico del presente per costruire il futuro: ormai dovrebbe essere possibile. Prendendosi innanzitutto cura di chi porta con sé il futuro e le sue speranze: il bimbo concepito, che cresce fiducioso nella pancia della madre. Accogliendolo e proteggendolo, aiutiamo anche il futuro del paese.

Advertisements

One Response to Il voto ha sfrattato gli “ismi”

  1. luca says:

    Segnalo l’ottima iniziativa del nostro europarlamentare Giusto Catania che ha capito quale deve essere lo stile per combattere la droga. Il parlamento UE ha favorevolmente accolto
    23-04-2008, ore 20:26:36

    Ue. Parlamento: piu’ informazione sulle droghe, specialmente su Internet

    Riconoscere il ruolo fondamentale svolto dalla societa’ civile a sostegno dello sviluppo, della definizione, dell’attuazione, della valutazione e del monitoraggio delle politiche in materia di droga. E’ questo, in sostanza, il contenuto di una relazione presentata dall’europarlamentare italiano Giusto Catania (Gue/Ngl), che il Parlamento ha adottato con 600 voti favorevoli, 35 contrari e 32 astensioni. I deputati invitano, inoltre, i governi di tutti gli Stati membri, le associazioni non governative, la societa’ civile e le associazioni di genitori e di professionisti a condurre campagne d’informazione esaustive, soprattutto nelle scuole, sui rischi e i danni alla salute fisica e mentale causati dall’uso di droga. Tali campagne dovrebbero anche vertere sulla salute delle madri e la trasmissione maternofetale delle sostanze stupefacenti, sul trattamento disponibile per i minori e i delinquenti tossicodipendenti e sul sostegno ai genitori con figli tossicodipendenti. In tale contesto, insistono “sul fondamentale partenariato con i media” nella diffusione di informazioni scientifiche circa i rischi che l’uso di droghe implica sulla salute mentale e fisica.
    Il Parlamento sottolinea poi l’importante ruolo che deve essere svolto da Internet nel garantire “un modo trasparente e coerente” di scambio di informazioni sull’attuazione e sullo sviluppo della strategia 2005-2012 dell’Ue in materia di droga. Per gli eurodeputati e’, inoltre, importante la costituzione del Forum della societa’ civile sulla droga come primo passo verso il coinvolgimento piu’ concreto e costruttivo delle associazioni Ue nelle dinamiche comunitarie sulla politica di prevenzione e lotta contro la droga.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: