La vecchiaia interiore dei giovani e le mode distruttive

Claudio Risé, da “Tempi”, 29 maggio 2008, www.tempi.it

Di cosa è fatto questo essere “vecchi dentro”, come ha detto Benedetto XVI a Genova, che consuma prematuramente e progressivamente spegne la vita di molti giovani di oggi? Cos’è questa tendenza a farsi “parassiti”, come li ha definiti il parroco di Niscemi, con una parola in realtà molto precisa e pregnante?
Dal punto di vista dell’esistenza profonda, si tratta certo, come ha precisato il Papa Benedetto, del mancato incontro con Gesù. Se non vedi la via, la verità, la vita, questa avvizzisce e si spegne. Tuttavia, anche in fasi storiche meno materialistiche di quelle che stiamo vivendo, l’incontro con Dio è per un giovane sì sempre alle porte, ma anche una grazia spesso rinviata, a volte respinta da una serie di richiami “del mondo”, che ti prende, ti distrae, ti alletta e alla fine ti delude e ti svuota. Prima di svuotarti, però, c’è spesso stata una “pienezza” giovanile, sempre parziale, a volte scellerata o pazza, come nella vita e nell’opera di Rimbaud, che però illustrava anche potentemente la bellezza della vita, e la ricerca del suo senso. Perché invece oggi la scelleratezza giovanile è così stanca, mortifera, priva di energia, vecchia? “Parassitaria”, come dice l’acuto parroco?
A portarci qui sono alcune caratteristiche specifiche del nostro tempo. Certo prima di tutte la “secolarizzazione”, la cacciata di Dio dalla vita quotidiana dell’uomo, che toglie di mezzo la profondità dell’infinito meta/fisico, e quindi lo stupore, quel senso di scoperta opposto a qualsiasi chiusura e contemplazione narcisistica. Perché ti trovi già dentro qualcosa di ben più grande, ricco ed emozionante di quanto il “Sé grandioso” del narcisista può lasciarti sperare.
Il mondo secolarizzato si è poi però anche dotato di strumenti specifici, che hanno gradualmente sostituito in modo pervasivo sia il rapporto con Dio che quello con gli altri. Si tratta in particolare di quei consumi “culturali” legati al sistema di comunicazione diretto ai giovani, e a quegli adulti che non vogliono uscire dalla giovinezza (come ha ricordato Ratzinger a Genova). Consumi dunque che inducono comportamenti, cancellano o indeboliscono valori antichi, fondati sulla legge naturale, per crearne di nuovi, mutevoli e provvisori, in genere finalizzati a promuovere la vendita di altre merci: oggetti di abbigliamento, spazi di tempo libero e così via.
Le “mode” da cui mette in guardia Benedetto XVI sono ideate e costruite dal sistema di produzione e vendita di questi beni di consumo, che rappresenta la gran parte delle forme comunicative cui sono abbandonati gli adolescenti oggi. La tv, ma non solo. È una rete apparentemente “piena”: di storie, comportamenti, modelli (diventare una star), sogni (anche sostanze, come droghe e alcool). In realtà, essa priva l’adolescente dell’unica cosa su cui può davvero contare (in attesa e preparazione della grazia): la scoperta di sé, anche attraverso la scoperta intima dell’altro. L’ingresso, insomma, timido e spaurito, in quel mondo meraviglioso e sconosciuto che è l’essere umano. Noi stessi, l’amico, la donna. Nell’adolescenza si avanza in un apparente vuoto, che invece è ricco, e pieno. Mentre questi ragazzi si adagiano “parassitariamente” in un “pieno”, che come un vampiro li divora e li svuota.

Advertisements

2 Responses to La vecchiaia interiore dei giovani e le mode distruttive

  1. Andrea says:

    Sono giovane e di Gesù non mi importa niente e mi sento perfettamente vitale, vivace e vero. O la verità e la vita sono solo quelle dei cristiani?

  2. antonello says:

    Per chi volesse leggerlo
    il discorso di Benedetto XVI ai giovani (ma vale anche per chi giovane non è!) si trova in
    http://www.vatican.va/holy_father/benedict_xvi/speeches/2008/may/documents/hf_ben-xvi_spe_20080518_genova-giovani_it.html

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: