In vacanza dai pregiudizi: per ascoltare l’altro

Claudio Risé, da “Tempi”, 10 luglio 2008, www.tempi.it

Vorrei proporre a me stesso, e ai lettori, di andare in vacanza dai pregiudizi, dalle idee che abbiamo costituito sugli altri e sulle loro opinioni, e che dirigono i nostri comportamenti in modo automatico. Non è una proposta relativista: è solo perché, se non li ascoltiamo con la curiosità e l’innocenza di un bambino, non riusciamo a sentire cosa gli altri ci dicono.
Un esempio di vita quotidiana, per farmi capire. Qualche giorno fa incontro un gruppo di medici, che avevano voluto scambiare le mie opinioni ed esperienze di psicoterapeuta con le loro di cura del corpo. Persone interessate, sicuramente aperte, con una visione della vita, credo, non molto diversa dalla mia (molti anche lettori di questo giornale). Infatti scambio ricco e, mi è sembrato, appassionato. Non senza curiosi inciampi.
Ad esempio, sollecitato a presentare le funzioni materne e paterne nell’accudimento ed educazione del bambino, propongo con poca originalità la mia nota visione della madre come figura dell’accoglienza e dell’appagamento del bisogno, e lo specifico paterno come azione e movimento (a cominciare da quello della fecondazione) e poi, dalla preadolescenza in poi, come operatore della rottura nella relazione fusionale madre-figlio, tuttora attiva ma ormai pericolosa per la costituzione dell’Io personale del figlio. È un punto che, lo so, suscita spesso resistenze, in particolare nelle donne. È del tutto comprensibile, se la questione non è stata vista prima. Ma sono interessanti i modi adottati per non ascoltare quello che l’altro dice. «Ah, dunque lei chiede che dall’adolescenza in poi la madre sparisca», è l’intervento di una signora.
Vorrei spiegare, come di solito faccio, che la madre non deve affatto sparire, solo lasciare che il padre interrompa l’identificazione del figlio con lei, che l’ha addirittura ospitato nel proprio corpo. Percepisco però (anche per il caldo e la stanchezza) il muro di sordità arrabbiata dall’altra parte. Comunque ci provo, ma il risultato è: «Lei dice che la madre deve farsi da parte perché la donna è natura e l’uomo cultura, e quindi per entrare nella società è necessario il padre». Per la verità non l’ho mai detto, mai scritto, e non lo penso affatto. È tutto molto più complesso e profondo di così, e ha persino a che fare – penso – con quell’“occuparsi delle cose del Padre” (di cui il padre è figura putativa) che Gesù oppone alle ansie di Giuseppe e Maria, ma che, come tutto nella vita di Cristo, riguarda la fondazione della stessa personalità umana.
Come dirlo, però? Come dialogare, se l’altro sente cose che non dici (e neppure pensi)? Come togliere di mezzo gli schemi mentali che occupano (sotto il segno dell’ansia) il campo della comunicazione e dell’incontro, forti del fatto che vengono ripetuti milioni di volte, come se avessero un qualsiasi fondamento, che alla fine nasce soltanto, invece, dalla loro incessante ripetizione?
Penso che dovremmo (tutti) parlare meno, magari anche leggere e scrivere meno, ascoltare di più. Don Luigi Giussani, di cui fui ribelle ma affezionato allievo, ti ascoltava, ti guardava. Aveva un modo ascoltante di guardarti. Anche per questo quegli incontri furono così ricchi. Insomma, proviamo a fare come se non sapessimo nulla. Magari impariamo qualcosa.

Annunci

5 Responses to In vacanza dai pregiudizi: per ascoltare l’altro

  1. Alessandro says:

    Quanta saggezza, perché quanta verità sperimentata nella vita di tutti i giorni, familiare o lavorativa che sia, trovo nelle Sue parole, sia nel ruolo di “parziale” ascoltatore che in quello di “parziale” ascoltato, caro dottor Risé.

    La saluto con profonda stima e le auguro la migliore vacanza.

  2. armando says:

    Caro Claudio, voglio essere polemico e terra terra. Quelle signore di cui parli si guardino intorno, ed osservino quanti “figli di mamma” adulti ci sono. Sono proprio quelli che come donne (se ancora lo sono) loro stesse disprezzano come bambocci in cerca di mamma sostitutiva. Colpa dei padri assenti che si sono allontanati dal loro ruolo o se ne sono fatti cacciare, certamente, ma anche di chi li ha cacciati in un furore onnipotente e vendicativo degno di miglior causa.
    Ora stiamo raccogliendo i cocci, ma senza capire perchè il vaso si è rotto i cocci anzichè diminuire si moltiplicheranno. E sono certo che stando così le cose, spetta ai maschi ed ai padri interrompere il cirolo vizioso. Speriamo ne abbiano la forza.
    armando

  3. Pingback: Tracce e Sentieri

  4. Condivido la sua frustrazione (se la sente, io la sento) in questa comunicazione. E’ così difficile spiegare quanta ricchezza ci può essere in una famiglia in cui il padre è padre e la madre è madre. Ricchezza per tutti, padre, madre e figli. Quanto dolore e quanta confusione risparmiati ai figli, ma anche a se stessi. Mi capita poi che dirlo dal punto di vista di una donna a volte rende le orecchie di chi ascolta ancora più sorde.
    Le auguro un buon lavoro.
    Fioridiarancio

  5. Redazione says:

    Grazie a tutti! E’ un dono straordinario, qualcuno che ascolta davvero.
    (Sì, la frustrazione c’è, eccome!)
    Buona vacanze anche a voi!
    Claudio

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: