Come nasce una decisione

Claudio Risé, da “Il Mattino di Napoli” del lunedì, 25 agosto 2008, www.ilmattino.it

Di solito abbiamo già deciso, anche quando lo neghiamo. Prima del voto ad esempio, o prima della scelta tra due persone amate.
La psicoanalisi lo sosteneva da tempo: l’inconscio decide prima della coscienza; ma la cosa sembrava troppo vaga, poco scientifica. Ora una delle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, l’inglese Science, ha pubblicato uno studio che dimostra che le decisioni sono prese già nella testa degli «indecisi» ben prima della loro apparizione ufficiale.
La ricerca è stata condotta, nel sorprendente campo delle scienze cognitive, da due studiosi italiani, Luciano Arcuri e Silvia Galdi, e un canadese, Gawronski. Al campione, costituito da cittadini di Vicenza, è stato chiesto di esprimersi sull’opportunità di ampliare, o no, la base militare americana a Vicenza. La raccolta di opinioni era accompagnata da un test di associazioni mentali veloci, registrate su calcolatore, tra immagini visive della base militare e aggettivi positivi o negativi.
Sconcertanti le persone che si dichiaravano indecise, prive di un orientamento preciso sulla questione. L’analisi delle loro associazioni automatiche, positive o negative, di fronte alle immagini della base militare, ha infatti dimostrato che nella mente degli intervistati era già formata (anche se non nota alla coscienza) la decisione che hanno poi in effetti espresso in un nuovo incontro con gli intervistatori, la settimana successiva. Come commenterebbe lo psicoanalista, l’inconscio, da cui affioravano quei giudizi aveva già deciso per loro.
È anche interessante che il metodo delle associazioni automatiche, qui utilizzato dai ricercatori per provare l’esistenza di predecisoni, ancora embrionali ma già formate nella mente degli «indecisi», è lo stesso utilizzato dalle scuole analitiche freudiane e junghiane nei loro metodi di riconoscimento e «trattamento» dell’inconscio. Come già in altri campi (per esempio gli studi sulla plasticità e capacità di trasformazione del cervello), le neuroscienze, quando applicate senza pregiudizi, confermano le intuizioni più feconde, e rivoluzionarie, della psicoanalisi.
Soprattutto, però, sono interessanti le prospettive, aperte da ricerche come questa, sull’interpretazione di una serie di eventi abbastanza frequenti nella vita quotidiana. Per esempio la comparsa di decisioni inaspettate: il marito, o la moglie, che esce per comprare le sigarette, e non torna mai più a casa; il repentino cambiamento di lavoro, di città, o di nazione. E naturalmente, l’improvviso (e apparentemente inspiegabile) cambiamento di posizione negli affari di cuore: il marito, o la moglie, che non si presentano all’altare del matrimonio (o all’ufficiale di stato civile), la scelta dell’ultimo minuto per l’una/o invece di quella/o, che tutti (e spesso anche chi decide), si aspettavano.
Un altro risultato interessante della ricerca è, infatti, che le associazioni automatiche (inconsce, secondo la psicoanalisi), la dicono molto più lunga sulla decisione finale che le opinioni «motivate» espresse in materia, non particolarmente significative, e affidabili. È anche per questo che i sondaggi elettorali non sono totalmente credibili: in essi le persone dicono quello che pensano, non quello che «sentono», e che decideranno domani.
Su questi temi le scienze cognitive, come già la psicoanalisi, riscoprono la differenza (nota alla Grecia classica e al Medio Evo), tra l’«opinione» (doxa), mutevole e di scarso significato, e il ben più misterioso pensiero (logos). Che si forma di nascosto, passando dalle ombre proiettate sulla caverna di cui parla Platone.

Annunci

One Response to Come nasce una decisione

  1. Roberto L. Ziani says:

    La vita in società ci insegna a dissimulare, a mentire “pro bono pacis”, mentre il nostro inconscio (le cui parole oniriche sono e restano un linguaggio da studiare e capire assolutamente per ogni singolo individuo, magari senza troppi manuali da due lire che puntuali d’estate affollano gl scaffali) è e rimane l’entità più sincera che ognuno di noi potrà mai incontrare.
    Saluti a tutti.
    RLZ

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: