Le storie che insegnano

Claudio Risé, da “Il Mattino di Napoli” del lunedì, 29 settembre 2008, www.ilmattino.it

Si è discusso moltissimo di grembiulini, e di maestro unico. Argomenti importanti, che però toccavano aspetti relativamente esterni al «core business» della scuola: gli allievi, e la loro capacità/disponibilità ad apprendere. Come si fa ad insegnare qualcosa a un bambino, e poi a un adolescente? A quali condizioni lo studente si rende disponibile ad apprendere, organizzare le idee, mettere a fuoco un linguaggio? La funzione, e la difficoltà della scuola, infatti, è proprio questa.
Ammesso che i maestri sappiano cosa devono insegnare, la parte più difficile è però far loro capire come farlo. Mentre moltissimi sembrano disposti a scendere in piazza in nome della lotta ai grembiuli, e, naturalmente, della pluralità dei maestri (che significa anche moltiplicazione dei posti), pochi sembrano interessati alle condizioni psicologiche che rendono possibile l’apprendimento.
Eppure il grande problema della scuola negli ultimi anni sembrava proprio quello. I ragazzi non erano affatto motivati a imparare, non ne avevano nessuna voglia. E infatti non imparavano nulla, o quasi, come puntualmente risultava dai test di ammissione alle università, o alle aziende.
Se si scambia Costantino per un tronista, non è solo perché si guarda troppa televisione. È anche (ad esempio) perché la Storia antica ti è stata presentata in modo noioso, e nessuno ti ha raccontato l’episodio del sogno fatto prima della battaglia, dove il futuro imperatore sogna la croce, e «sente»: «Con questo simbolo vincerai», affrettandosi quindi a farne la nuova insegna dell’esercito romano, e sbaragliando l’avversario.
L’episodio manca dai libri, in parte perché è leggendario, e si pretende che a scuola ci siano solo fatti (salvo poi diffondere miti già morti, ma «politicamente corretti»); in parte perché presenta una conversione, e ciò puzza di clericalismo; in parte perché l’Impero romano viene fatto in fretta e male, per timore di alimentare simpatie fasciste. Così nessuno sa chi è Costantino, che ricorderebbe se qualcuno gli avesse raccontato la cinematografica storia del sogno.
Questa è invece la prima condizione necessaria perché gli studenti imparino: la scuola deve interessarli. Per farlo sarebbe meglio, almeno fino agli ultimi anni del liceo, non impartire direttamente delle nozioni, ma raccontare delle storie. Ogni sapere, scienze comprese, è traducibile in storie: dei protagonisti, delle idee, dei processi della natura.
Le storie, però, occorre saperle narrare. Raccontare le storie è un’arte precisa e complessa: per questo chi la possedeva godeva di grande prestigio, nei villaggi e nelle comunità. Ogni comunità si costituisce attorno a delle storie che si raccontano e che ne costituiscono l’anima, come quelle narrate nel passato attorno al fuoco, nei paesi. Anche la comunità scolastica nasce non attorno a degli edifici (in Africa a volte non ci sono neppure), ma attorno a uno storyteller che narra delle storie, nel giusto modo, catturando l’attenzione di chi l’ascolta. Perché questo accada occorre che chi racconta sappia innanzitutto stupirsi, commuoversi, e rimanere affascinato, lui per primo, quando racconta una storia. Deve sempre essere come se fosse la prima volta che anch’egli l’ascolta.
Questa è del resto la prima qualità del maestro: la sua capacità di stupirsi, come Platone ci racconta che Socrate costantemente faceva con i suoi allievi. È questa anche la differenza dal falso maestro, che ha invece un tono sapiente, come se sapesse tutto, e nulla più lo stupisse. Così diventa noioso, e per gli allievi l’avventura dell’apprendere non comincia mai.

Annunci

8 Responses to Le storie che insegnano

  1. Fabia says:

    Per quanto io abbia una piccola esperienza (asilo), con i nostri figli, ho già notato la differenza tra una e altre maestre….la passione di ciò che insegni e fai è secondo me un input importante che stimola i bambini e coinvolgerli in questo diventa un “matrimonio” tra maestri e allievi molto interessante. Purtroppo, come lei dice, c’è tanta aroganza a volte e crea distanza e noia. Stimolare, partecipare, ascoltare, a una “danza” tra maestri ed allievi .
    Mi ricordo che la storia era noiosa per me (memorizare date ed eventi),piu tardi, mi sono ravicinata a questa scegliendo dei libri.

  2. Roberto L. Ziani says:

    Parole sante. In tutte le materie dove avevo difficoltà, ho capito (a scuole ampiamente finite) che sarebbe bastato farmi rendere conto di quanto quelle materie potessero essere utili ed affascinanti ed io le avrei studiate di più. Ma professori troppo burocratizzati e frettolosi non ci hanno mai pensato: se andavi male ti punivano e ti trascuravano, la materia ti diventava antipatica, e addio. Non ero il solo, purtroppo. Certo che “non è mai troppo tardi” per riprendere in mano dei libri, ma non vi è dubbio che quei signori e signore furono “cattivi maestri” popperiani.
    RLZ

  3. Facendo un bilancio da ex scolara posso dire che la scuola è stata in parte perdita di tempo. Non che non abbia imparato o non sia servita. Ma la maggior parte degli insegnanti che ho avuto non erano semplicemente adatti a fare il mestiere che facevano, per ignoranza, incapacità, totale assenza del senso del dovere e del lavoro. Non solo per colpa loro, credo anche perchè l'”ambiente” scuola tenda a spegnere in fretta le buone intenzioni. Alcuni insegnanti erano bravi, cioè facevano seriamente il loro mestiere, ma li ricordo con un affetto speciale perchè erano davvero casi rari.
    Da mamma, con mio marito, ci siamo resi conto che nulla è cambiato in tutti questi anni. E sappiamo che spetta a noi creare passioni e interessi per quello che si impara, piattamente, a scuola. Mi scuso per il pessimismo, ma ad oggi la realtà che abbiamo visto è tanto così.
    A presto.
    Fioridiarancio

  4. armando says:

    Ricordo che in seconda media (quella di una volta, unisessuale e con tanto di esame d’ammissione, latino triennale e studio dei poemi omerici come ora fanno, forse, al Liceo), invidiavo i compagni della sezione parallela perchè il loro professore di Lettere, per farli appassionare all’Iliade, faceva loro sceneggiare in aula duelli e battaglie usando le vecchie “righe a T” da disegno. Eppure non mi risulta che nessuno sia diventato un guerrafondaio violento, come vorrebbe la moderna pedagogia politicamente corretta ed in realtà burocratizzata, che finisce per svuotare l’anima dei docenti e dei discenti, rendendo la scuola un qualcosa che “se la conosci la eviti”.
    armando

  5. Daniele says:

    Non a caso “Enciclopedia” significa “Metter in cerchio i bambini”.

  6. Pingback: Fiori di Arancio

  7. Ho citato questo articolo sul mio blog (http://fioridiarancio.wordpress.com/2008/10/17/insegnamenti/), spero non le dispiaccia. In tal caso provvederò a rimuovere il link.
    A presto.
    Fioridiarancio

  8. Pingback: Fiori di Arancio

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: