La droga e il declino

Claudio Risé, da “Avvenire”, 31 luglio 2009, www.avvenire.it

L’Italia non è in declino, ha rassicurato il ministro dell’Economia. Una valutazione che fa piacere. Per dare piena fiducia, tuttavia, essa va incrociata anche con dati non specificamente economici, considerati ovunque significativi del livello di sviluppo e di dinamismo di un Paese.
Tra questi, molto importanti quelli relativi al consumo di droghe. Un Paese drogato si sviluppa meno, e in modo meno solido. Non solo per i costi sanitari altissimi indotti a medio e lungo termine dalla fetta di popolazione intossicata; ma per la minor vitalità che l’uso di droghe produce sia sul piano dell’iniziativa (anche economica) che su quello cognitivo (ricerca e innovazione) e affettivo (stabilità delle relazioni, estraneità alle devianze). Molti dei guai del capitalismo più recente, da aziende pessimamente dirette negli anni ’70 all’ultima crisi economica, hanno tra le loro caratteristiche l’uso di droga da parte di alcuni fra i loro protagonisti.
Inquieta, dunque, che anche l’ultimo World Drug Report dell’Onu segnali il continuo aumento dell’uso di droghe in Italia, arrivando a dedicare un apposito paragrafo al fenomeno (specificatamente italiano) del raddoppio nell’uso di cannabis e suoi derivati. La droga più usata nel mondo, il cui costo non diminuisce ma cresce, il trampolino di lancio verso tutte le altre droghe. Alcol compreso, recente piaga giovanile, di cui ci si è finalmente accorti negli ultimi mesi.
«Non è simpatica la posizione italiana rispetto agli altri Paesi europei per quanto riguarda l’uso di cannabis – ha affermato Antonio Costa, direttore dell’Ufficio delle Nazioni Unite per il contrasto alla droga –. L’Italia è l’unico Stato che mostra dati in crescita».
Il rapporto dell’Onu infatti, dopo aver segnalato la netta diminuzione in atto nell’assunzione di cannabis nei grandi Paesi sviluppati (in testa i giovani inglesi fra i 16 e i 24 anni con un meno 37% nell’ultimo decennio), e l’inizio di diminuzione nei Paesi dell’Est (Repubblica Ceca, Slovacchia e Polonia) che avevano preoccupato negli ultimi anni, presenta il caso italiano: «La situazione è diversa in Italia, dove il tasso di consumo di cannabis tra la popolazione dai 16 ai 59 anni è più che raddoppiato negli ultimi anni, passando dal 7,1% nel 2003 al 14% nel 2007. L’Italia è dunque diventata il maggiore mercato europeo della cannabis, con circa 5,7 milioni di utilizzatori nel 2007, su un totale di circa 30 milioni di utenti di cannabis nell’intera Europa. Questo riflette, tra l’altro, l’ampia disponibilità di erba di cannabis proveniente dall’Albania e dall’Olanda, e la crescente produzione domestica dal Sud Italia».
Sono dati che, sommati alla continua crescita del consumo di cannabis nei Paesi poveri e in via di decollo, e al progressivo disinteresse per questa e per le altre droghe negli Stati a più forte sviluppo industriale e scientifico, gettano un’ombra pesante sulla qualità e solidità dello sviluppo nel nostro Paese. E accompagnano anche gli aspetti più poveri e scomposti della sua scena politica.

Annunci

2 Responses to La droga e il declino

  1. antonello says:

    Le segnalo la nuova azione tra Ministero Della Salute Francese e organi di Polizia con una nuova brochure sui pericoli della cannabis e dell’ecstasy.
    La préfecture de police édite une plaquette de prévention sur les risques liés à la consommation de cannabis et d’ecstasy.
    Ce document, à destination des plus jeunes, contient de nombreuses informations sur les effets des différents produits ainsi que leurs conséquences, tant sur la santé physique que mentale.
    De nombreux contacts, tels que les numéros d’aide aux consommateurs ou les sites Internet d’information, sont également listés.

    Cette plaquette est disponible dans les lieux d’accueil du public et sur le site Internet de la préfecture de police.
    Si scarica in pdf in

    http://www.prefecture-police-paris.interieur.gouv.fr/documentation/publication/canabis.pdf

  2. ivano says:

    Per chi ancora difende la cannabis a partire dalla sua presunta utilità terapeutica (confondendo quest’ultima con l’uso che ne fanno i giovani per sballarsi)segnalo l’ultimo studio dell’Università di Harvard: Marijuana and the Mind secondo cui innanzitutto al momento non è affatto certa la validità della cannabis terapeutica ma è certo che i danni sarebbero maggiori dei benefici: da disturbi ai polmoni a possibili malattie psichiatriche. E a proposito di queste ultime lo studio ribadisce che l’uso di cannabis non solo esacerba la psicosi in chi ne sarebbe già predisposto ma la causerebbe direttamente nei soggetti normali che ne fanno uso a partire da età precoce (come del resto avviene già nelle nostre scuole medie). Lo studio in
    http://www.health.harvard.edu/newsletters/Harvard_Mental_Health_Letter/2010/April/medical-marijuana-and-the-mind

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: