Tornano gli schiaffi ai figli

Claudio Risé, da “Il Mattino di Napoli” del lunedì, 3 agosto 2009, www.ilmattino.it

Si torna a parlare di schiaffi nell’educazione. L’occasione è l’iniziativa di un nuovo referendum, in Nuova Zelanda, per abrogare quello di due anni fa che aveva appunto proibito le botte. Ci si chiede se sia sensato mettere in forse il divieto di punizioni corporali verso i minori. È questo un terreno sul quale l’esperienza psicoterapeutica ha però qualcosa da dire. Le storie che raccontano i pazienti sono infatti più sfaccettate della naturale ripugnanza verso la violenza ai bambini.
Sono molte, infatti, le persone che raccontano di rapporti coi genitori dove l’ultima parola era sempre lo schiaffo (o peggio). Quando in queste punizioni c’era compiacimento da parte dei grandi, le ferite sono rimaste sull’anima di chi le ha ricevute.
La conseguenza più grave e frequente è probabilmente questa: chi subisce da piccolo atti di sadismo, presentati come giusta conseguenza di qualche trasgressione, finisce spesso col capovolgere il proprio rapporto col piacere. Capita allora che da grande sia spinto a ricercare attraverso la punizione quel godimento che provava il genitore che lo castigava «per il suo bene», e che il bambino inconsciamente intuiva (e a cui partecipava). Come si vede, si tratta di un danno psicologico e affettivo piuttosto grave, e non semplice da trasformare.
Dalle storie di chi soffre emerge però anche un’altra realtà. Spesso il bambino ha vissuto come crudele e violento non lo schiaffo, ma la freddezza, non l’aggressività fisica, ma la distanza. Una delle prime intuizioni della psicoanalisi, del resto, fu proprio la constatazione che nell’aggressività c’è anche uno slancio affettivo, un «andare verso l’altro» che è parte integrante dell’esperienza dell’amore. Da allora, l’esperienza clinica, in tutto il mondo, ha confermato che un’educazione distante e compassata è vissuta come molto più crudele dell’altra, magari troppo gridata e incontinente. I film di Ingmar Bergman (come la gran parte della produzione artistica del Nord Europa), descrivono perfettamente siffatte situazioni.
Questi risultati dell’osservazione psicologica non sono, in fondo, sorprendenti. La prima esigenza del bambino è infatti quella di ricevere amore, attenzione, calore. Non ha poi tanta importanza che questo venga offerto in modo educato, corretto, oppure emotivamente sovrabbondante. Il fatto decisivo è che l’amore ci sia.
La distanza fisica, la freddezza emotiva, la voce che non si alza, la mano che non tocca, non stringe, e si tiene invece alla larga, come tutto il corpo dell’adulto, è vissuta dal bambino come un rifiuto, un abbandono. Le conseguenze in questo caso possono essere ancora più gravi, ed arrivare fino alla scissione della personalità.
Tutto ciò spiega perché spesso l’ex bambino affettuosamente e frequentemente percosso non abbia un ricordo spiacevole di quell’esperienza, ma la consideri anzi una manifestazione di affetto e di attenzione preziosa, che è pronto a ripetere con i suoi propri figli.
Allora, che fare con i nostri figli? Scapaccioni o parole? Come al solito, non si può contrapporre ideologicamente l’uno all’altro. L’educazione è il luogo dello sviluppo affettivo, istintuale e cognitivo; la «non violenza» non c’entra, conta la crescita equilibrata della personalità del bambino. Che ha bisogno di affetto, manifestato anche col contatto fisico: carezza, ma anche scapaccione, se viene naturale, di slancio, accompagnato da un «ti voglio bene!».
Attenzione, poi a non voler spiegare tutto: un gesto affettivo, come la carezza (e lo scapaccione), è più eloquente di infiniti, e snervanti, discorsi. Gesto e parola vanno assieme.

Advertisements

6 Responses to Tornano gli schiaffi ai figli

  1. Marco says:

    Caro Prof., faccio fatica a immaginare come si possa essere frequentemente e affettuosamente percossi. Mi descriverebbe una situazione? Saluti Marco

  2. Redazione says:

    Per Marco. La testimonianza più o meno standard dei pazienti “percossi e sodddisfatti”, è questa :” quando facevo qualcosa di sbagliato mio papà (e/o mia mamma) me le davano di santa ragione. Non ho mai dubitato che lo facessero per il mio bene, come del resto a volte mi ricordavano. Comunque un po’ per non prenderle, un po’ per non farli arrabbiare, poi non lo facevo più; e in questo modo ho imparato a non fare tante stupidaggini”. So simple as that. Cordialmente, claudio

  3. Marco says:

    Caro Prof, grazie, ora riesco ad immaginare. Il punto chiave è essere convinti di averle prese perchè s’era fatto qualcosa di veramente sbagliato e che i due che le distribuivano lo facessero effettivamente e in massima parte a fin di bene. Da parte mia, ho l’mpressione di averle prese spesso per un nonnulla o a causa di normali inefficienze e bisogni infantili che, evidentemente, davano fastidio. Non ricordo quindi genitori affettuosi, ma intolleranti e pieni di pretese, aggressivi e frustrati, a cui in fondo credo piacesse tenere i più deboli in situazione di sottomissione. È quel che lei intente per sadismo? Saluti Marco

  4. Redazione says:

    L’affetto, e la sua presenza e dichiarazione, è essenziale nella motivazione della punizione ( come correzione educativa); altrimenti il bambino precepisce uno sfondo sadico ( ci prendo gusto a farti soffrire), anche se spesso blando ed il più delle volte del tutto inconscio. Claudio

  5. fabia says:

    Sono chiaramente contraria a questa nuova legge che si vorebbe imporre e credo ne esista già una per i casi gravi. Qui si esagera, secondo la mia opinione . Mi ricordo solo una forte punizione per qualche cosa di futile, perchè esagerata. E’ vero anche che certe persone usano esageratamente la punizione fisica; mi ricordo che certe parole e affermazioni mi fecero molto più male e procurarono distanza e rabbia da parte mia verso mia madre che la rittenevo freda.
    Come madre oggi, mi capita di dare uno scappacione sul sedere; piutosto usiamo la punizione come il non uscire a gioccare, togliere un giocattolo preferito o andare in camera per un tempo scelto.
    Ci siamo accorti che i nostri bambini inconsciamente chiedono per sapere fin dove possono andare nell’ubidienza con noi e questo crediamo sia una normale ricerca dei bambini. “Fin dove posso andare con papà e/o mamma”, i limiti.
    F.

  6. giulia says:

    Un’esperienza in poche righe: io vengo da quella famosa freddezza e mancanza di corporeità nel rapporto coi genitori; mio marito da un padre despota che alternava le botte alle lunghe assenze per lavoro. Le nostre figlie vivono male e mostrano svariati segni di disagio che io colgo e mio marito minimizza o nega del tutto. Purtroppo io non riesco a difenderle, sono troppo debole e succube, strappata in due tra la decisione di cambiare qualcosa e l’incapacità di riuscire a farlo concretamente.
    G.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: