Identità fluide e derive criminali

Claudio Risé, da “Il Mattino di Napoli” del lunedì, 23 novembre 2009, www.ilmattino.it

«Stai al tuo posto»: ecco un’esortazione ormai sparita dal vocabolario di genitori e educatori. Forse perché troppo dura: non pretendere di essere altro da ciò che sei (un bambino, uno studente, un figlio). Forse perché sospettata di infliggere una ferita troppo acuta al narcisismo del giovane. Eppure, imparare a stare in quello che in quel momento della vita è «il proprio posto», è condizione indispensabile per ricevere un’educazione. Rifiutarlo genererà caos.
Nella vita proprio la difficoltà di accettare un preciso posto nella società produce disordine ed anche criminalità. Ad esempio, la vicenda che da tempo occupa con tinte sempre più fosche le pagine delle cronache italiane, ed ha al proprio centro l’ex governatore del Lazio e le sue frequentazioni, illustra come ognuno dei suoi personaggi non sia riuscito a «stare al proprio posto», ad aderire ad un ruolo preciso con le relative responsabilità.
Il caso, infatti, fu provocato da carabinieri che da custodi dell’ordine si erano trasformati in ricattatori grazie ai fatti di cui erano venuti a conoscenza. Ecco una prima doppia identità: da una parte forze dell’ordine, dall’altra attori di crimini, e provocatori di disordine.
I carabinieri potevano d’altra parte assumere questa identità fluttuante anche perché lo stesso faceva la loro vittima: Piero Marrazzo, Governatore del Lazio. Il quale da una parte guidava con delicate responsabilità una delle Regioni più importanti d’Italia, dall’altra remunerava senza risparmio delle prostitute clandestine, acquistando inoltre da loro dosi di cocaina.
Appare anche qui, nella vicenda (peraltro molto umana) di Piero Marrazzo, la fatica, oggi sempre più difficile da sopportare, di «stare al proprio posto»: il tuo. Quello che la tua stessa vita, le tue capacità, le tue abilità, ti hanno assegnato. E che prende la forma di un «posto», una collocazione sociale, che tuttavia per garantirti un’identità (quindi anche un equilibrio psicologico) stabile, ti chiede di assumerti le responsabilità corrispondenti. Ad esempio, per un amministratore pubblico, di non violare le leggi dello Stato, e di non farti complice (magari come vittima) di chi le vìola.
Piero Marrazzo, come migliaia di altri protagonisti della contemporanea «società liquida» (come l’ha chiamata il sociologo Zygmunt Bauman), non ce l’ha fatta. Proprio in questa difficoltà nel mantenere un’identità «solida», ben definita, cui si rimane fedeli pagando i relativi prezzi, consiste del resto la liquidità della società postmoderna. Nella quale ogni forma tende a dissolversi per assumerne un’altra; a volte contraria, come quella del carabiniere che diventa malfattore, o quella del governante che si lascia governare da irregolari e fuorilegge. Tutto ciò tuttavia tende anche a «liquefare» la personalità da una parte e le istituzioni sociali dall’altra.
A completare queste drammatiche trasformazioni appare infine, in questa vicenda, la metamorfosi sessuale dei partner del governatore i quali, uomini alla nascita, avevano poi scelto di passare (per quanto possibile) all’altro sesso, assumendone forme, nomi e costumi. Diversamente dall’androginia naturale (ad esempio dell’atleta Semenya), qui l’identità naturale si alternava con l’altra, utilizzata per interesse economico, o per piacere.
Ma l’essere umano può assumere identità multiple e opposte, senza esserne danneggiato? Il pensiero greco (con le sue Tragedie), ancora prima di quello ebraico e cristiano assicurava di no. Forse aveva buoni motivi.

Annunci

2 Responses to Identità fluide e derive criminali

  1. Claudia says:

    E’ veramente bello leggere questo giudizio che, paradossalmente, sebbene parli di “confini” non cerca – come invece accade nella maggior parte delle discussioni pubbliche – di tagliare sempre e solo in due la realtà, buono e cattivo, giusto e ingiusto, e così via. Nel merito della questione a tema, in genere emergono perlopiù due sole posizioni: quella moralista e astratta, che non fa che scandalizzarsi e che invocare il dio coerenza, e quella opposta, permissivista, che abbòna qualsiasi comportamento e scusa tutto dietro il solito “siamo tutti peccatori” e roba simile. Da una parte la ricerca di un rigore disumano, dall’altra un rozzo peccare in allegria. Non è intelligente né utile semplificare e ridurre così quella realtà complessa e delicata che è l’uomo.
    c

  2. Daniele says:

    Questa “liquidità” è stata incentivata e riempita di alibi dalle continue esortazioni del pensiero moderno al Relativo Per Forza: vai per gruppi spirituali e ti insegnano a “fluire” sopra ogni altra cosa, vai per accademie scientifiche e ti insegnano che i sessi non sono 2 ma 4, 5 o chissà quanti; vai per famiglie e scopri che ognuno ha 2, 3 o tot famiglie; vai in Spagna e scopri che Zapatero propone di mettere anziché Madre e Padre sui documenti, “genitore A” e “genitore B”; vai per nazioni e trovi dibattiti su che significa cittadinanza. E’ ovvio che poi ci si ritrova così.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: