Sviluppo e giovani nullafacenti

Claudio Risé, da “Il Mattino di Napoli” del lunedì, 30 novembre 2009, www.ilmattino.it

Il dato più preoccupante dell’Italia di oggi, e di quella di domani, non passa né in prima serata televisiva né in prima pagina. Si tratta di questo: il 20% circa dei giovani con meno di 22 anni non studia, e non lavora. L’Italia è il paese europeo con la più alta percentuale di giovani nullafacenti. L’elevata disoccupazione c’entra poco: le medie e piccole industrie, e le attività artigianali, hanno infatti un’altissima richiesta di personale specializzato, che la scuola non fornisce.
Soltanto il Nordest ha 80 mila posti di lavoro disponibili; mancano però persone formate. In parte la richiesta viene soddisfatta da quegli immigrati che dispongono di formazioni adeguate. Spesso però la mancanza di personale preparato rallenta lo sviluppo delle imprese, costrette a ridurre le attività, oppure a trasferire iniziative all’estero, delocalizzare.
Naturalmente questa fascia di giovani, ex studenti svogliati, poi mantenuti dalla famiglia per anni, rientra poi (ma non sempre) nel processo produttivo, e un lavoro in qualche modo lo trova. Ma di solito in settori scarsamente produttivi, impieghi più o meno pubblici, a basso reddito e scarsa spinta innovativa.
Così ogni anno si sposta in alto (verso la trentina) l’età di uscita dalla casa genitoriale, diminuiscono i matrimoni, le unioni stabili, i figli.
La crisi italiana, di oggi e domani, è annunciata soprattutto dall’insufficienza di formazioni e competenze adeguate in giovani che rimangono per anni in una «terra di nessuno», né scuola né lavoro, sopravvivendo «a carico»: della famiglia e della società. Ora finalmente (seppur con enorme ritardo), è stato varato un regolamento del Governo per ridare spazio e dignità all’importantissima galassia dell’istruzione tecnica e professionale. Potrebbe funzionare, anche perché il dossier è stato seguito e monitorato dal settore Education di Confindustria, direttamente interessata a che il problema venga finalmente risolto.
Ma quali sono state le convinzioni degli italiani che hanno ostinatamente promosso, attraverso la velleitaria gestione della scuola, un prolungato rallentamento dello sviluppo, con conseguente depressione di una fetta così importante dei giovani? La più pericolosa probabilmente è stata la sopravvalutazione delle formazioni intellettuali (sancite dalla «laurea»), in un popolo dotato di una lunga storia di abilità manuali, che fecero dell’artigianato italiano la culla dell’arte e della bellezza dal Rinascimento in poi. Ancora oggi, uno dei pochi settori (quello della moda e del design) che ha continuato il suo sviluppo negli ultimi anni, lo ha fatto perché ha mantenuto forti legami con l’artigianato, che continua a rifornirlo di idee fresche, competenze e abilità, ricevendone in cambio riconoscimenti, denaro, e posti di lavoro.
L’enfasi posta dalla scuola e dalla società all’accesso all’università e alla laurea ha invece indebolito le scuole professionali prima, e gli istituti tecnici poi, non rifornendo di mano d’opera settori vitali per la nostra economia come l’artigianato, il turismo, e la piccola e media impresa. Proprio a questo ultimo settore appartengono, d’altra parte, molte fra le aziende più tecnologicamente avanzate e redditizie del paese. La loro richiesta di giovani ben formati viene oggi finalmente ascoltata, ormai spentesi le grida dei cortei contro il ministro Moratti, che chiedeva cinque anni fa queste stesse cose.
Finita in disoccupazione e depressione di massa la passione per il «pezzo di carta», si torna forse ad una più equilibrata valutazione di tutti i saperi, compresi quelli tecnici e manuali.

Advertisements

6 Responses to Sviluppo e giovani nullafacenti

  1. Patrizia says:

    Pasolini tuonò contro la chiusura delle scuole d’ arti e mestieri che ci hanno fornito i migliori artigiani delmondo.
    oggi nelle poche scuole del genere rimaste la maggiorparte degli studenti sono extracomunitari volenterosi e diligenti…..
    Perchè non si ritorna alla grande tradizione italiana, fatta di genialità che ci ha data Valentino, Armani , Ferragamo ,orafi e incastonatori di primo livello

  2. Claudia says:

    …perchè di Valentino, Armani, Ferragamo i nostri ragazzi apprezzano il successo, la ricchezza e la visibilità, non certo il sacrifici che hanno portato a questo. Ed è per questa ragione che quelle scuole sono piene di volenterosi extracomunitari. I “nostri” preferiscono perseguire la strada del successo, con l’ovvio risultato di impantanarsi al primo scontro con la realtà, che di solito non concede molto a chi ha l’obiettivo di “fare il ricco” aspirando a macchine x e borsette y, anzichè introdursi – un passo alla volta e con la dovuta gavetta – nel mondo del lavoro.
    c
    c

  3. anto says:

    Posso confermare quanto lei dice: ho insegnato poco tempo fa in un ITIS vicino alla frontiera svizzera. Nonostante la crisi le richieste ci sono, ne arrivano anche alla scuola, ma i giovani proposti non sono sufficientemente preparati e solo pochi riescono a mantenere il posto in Svizzera. E che dire di questo: ho lavorato anche in un CFP, settore turistico, sul Lago Maggiore: piccolo problema: il tedesco non veniva insegnato. Grave danno, dato che qui i turisti, peraltro numerosi, parlano in tedesco. Anche una cassiera alla Standa ha gravi difficoltà. Troppa distanza c’è ancora tra formazione e dato di realtà
    antonello

  4. Claudia says:

    Non solo: nella mia esperienza di lavoro ho visto svariati neo diplomati rifiutare un posto di apprendista perchè lo stipendio proposto non era gradito (a loro parere troppo basso…in verità era di un soffio inferiorie al mio di lavoratrice a contratto indeterminato da diversi anni…).
    c

  5. Mi piace molto questo sito e sono contenta di averlo scoperto. Grazie.
    Credo siano la mancanza di educazione “reale” e anni di slogan ad aver messo in testa a molti (non solo ventenni) che bisogna uscire di casa o scuola o università e trovare subito il lavoro facile e ottimamente retribuito, senza dover faticare per costruirsi professionalità e posizione.
    Se vi interessa, vorrei segnalarvi il blog Generazione Pro Pro (http://generazionepropro.corriere.it) del Corriere della Sera, dove si parla dei problemi dell’artigianato e delle professioni in Italia.
    Grazie ancora,
    Umberta

  6. Redazione says:

    Grazie Umberta. Il blog segnalato è ottimo, e i suoi argomenti assolutamente centrali oggi! A presto, Claudio

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: