Allergici al vivente

Claudio Risé, da “Il Mattino di Napoli” del lunedì, 28 marzo 2011, www.ilmattino.it

Arriva la primavera, e le allergie. Ogni anno più numerose. Entro il 2020 un bambino su due soffrirà di rinite allergica; senza contare tutte le altre.
Perché diventiamo sempre più insofferenti alle sostanze, agli insetti, alla natura? Forse perché ne stiamo sempre più alla larga, la evitiamo, cresciamo in ambienti sterilizzati, e quando poi troviamo un polline, o un batterio, il nostro sistema immunitario va in tilt. L’igiene, è assodato, ha salvato molte vite, ma ci ha resi fragili.
La battaglia tra cultura e natura è stata combattuta contro i sensi più antichi: il nostro naso, che nell’evoluzione sapeva riconoscere quali animali erano nelle vicinanze; il gusto, impegnato assieme al nasco nel riconoscere se un cibo era commestibile, o velenoso; il tatto, che «tastava», il mondo circostante, per valutarne la pericolosità, e le qualità.
Oggi celebriamo la decadenza dell’odorato, un senso considerato ormai «arcaico», così come quella del tatto, a cui si è sostituita, la vista (divenuto il principale organo valutativo). Il gusto è diventato un fatto di buongustai, di «slow food»; nessuno gli attribuisce più un’utilità per la sopravvivenza.
Del resto, ciò che compriamo è avvolto in confezioni sigillate da pellicole, i deodoranti ambientali coprono qualsiasi odore naturale, e batteri e germi sono accuratamente sterminati da ogni sorta di sostanze specializzate. Ma è proprio questo il guaio. Perché quando arriva un polline, un batterio, o un filo d’erba, i nostri antichi sensi, completamente fuori allenamento, reagiscono come impazziti. Ed è l’allergia. Figlia del carattere unilaterale del nostro modello di sviluppo. Infatti, anche se cresciamo in un condominio pulito, non scendiamo mai in strada a giocare da piccoli, facciamo le vacanze in alberghi igienizzati e viaggiamo in villaggi altrettanto accurati, la natura (nella quale siamo comunque immersi, anche se la teniamo lontana) prima o poi ci raggiunge. E più avremo cercato di tenerla distante, più forte sarà la crisi allergica. Il naso è l’organo più colpito, più «infiammato» dalle allergie, perché odorando noi inspiriamo non solo gli odori, ma le molecole della realtà esterna.
L’igienismo più furibondo, col mito della vita «sterile», non aveva tenuto conto che vivere nel mondo significa anche respirarlo e annusarlo. Ed ora, quando usciamo dall’ufficio o dal condominio e incontriamo il mondo della natura, c’è la reazione allergica: raffreddore allergico, asma ed eczema. Il corpo reagisce in modo paradossale a sostanze di norma ben sopportate.
A volte è la dose eccessiva a produrre allergia: un odore troppo concentrato, o troppe molecole di una sostanza producono la reazione allergica. Il più delle volte, però, la dose è normale, la sostanza è sopportabile, ma c’è ugualmente una reazione allergica. Perché?
Il fatto è che l’allontanamento dalla natura ha provocato una crescente ipersensibilità in tutti i sensi «della vicinanza»: il tatto, con le dermatiti e le altre malattie che colpiscono la pelle; il gusto, con le ipersensibilità ed allergie ai diversi sapori; e, appunto, l’odorato. C’è l’inquinamento chimico: le vie respiratorie e la pelle non sopportano più le dosi elevate di sostanze tossiche presenti nell’aria.
C’è però anche un’altra ragione: la crescente ingestione di sostanze tossiche presenti nei cibi industriali rende l’organismo incapace di accettare le molecole di sostanze naturali presenti nell’aria. Come se i nostri corpi intossicati fossero diventati allergici all’aria pura.
Siamo diventati così artificiali da non sopportare più il vivente. Un bel guaio.

Annunci

4 Responses to Allergici al vivente

  1. Roberto says:

    Interessante articolo che apre alcuni spunti:
    1) Innanzitutto l’atteggiamento da lei descritto nei confronti della natura è paradigmatico per altri argomenti. Ad esempio “la crescita”. Per una socità fondata sul paradigma della crescita, un momento di freno (non di carestia biblica!) genera disoccupazione che genera crisi personali e cosi via. Oppure gli insuccessi individuali, quando uno è abituato ad avere tutto OK, la prima contrarietà manda in tilt. Si potrebbe andare avati così con altri esempi.
    2) Vi sono, secondo lei, allergie dovute alla “somatizzazione” di problemi interiori (ansie, situazioni pesanti) ?
    3) Come si potrebbe fare per chi vive in città (a parte la logica demenziale del week-end che per i più vuol dire portare la città sulle piste di sci e sulle coste) a venire in contatto con la natura? più parchi urbani e meglio gestiti? cibi biodinamici?
    Distinti saluti
    Roberto

  2. antonello says:

    Ottimo questo articolo di Risé. Le stesse cose, da un altro punto di vista, le ha studiate e spiegate Francesco Bottaccioli, autorevole immunologo. Nei suoi libri dice che il sistema immunitario è molto intelligente: uno dei suoi aspetti è che le nostre linee difensive (dalle cellule natural killer a quelle più semplici e comuni) dalla nascita in avanti subiscono un vero e proprio processo educativo: a contatto con batteri virus etc imparano a funzionare. Inoltre hanno memoria: si attivano quando riconoscono il volto di ciò che hanno già combattuto. Ma appunto come dice Risé non c’è più addestramento nè memoria dato che viviamo segregati e intimoriti da tutto ciò che non sia super sterilizzato. Quindi eccoci più deboli. Nelle classi vedo un continuo pulirsi le mani con liquidi vari, un continuo procedere con antibiotici e antiinfiammatori, senza parlare del cibo con cui si nutrono i ragazzi: tutto immunodeprimente. Eppure sono sempre a casa per questa o quella influenza! antonello

  3. armando says:

    Nel 1914, dicasi 1914, lo scrittore britannico P.G. Wodehouse scrisse un romanzo, La venuta di Bill, profetico. Raccontava delle ossessioni igieniste della protagonista, una emancipata signora della buona società che oggi definiremmo “radidalc-chic”. Formidabile anticipazione, per questa e altre questioni, della società post-moderna con le sue nevrosi ossessive, con la sua perdita di contatto con l’autenticità della natura, ma potremmo dire meglio, della vita.
    armando

  4. armando says:

    PS al post precedente. Non casualmente la salvezza del piccolo Bill dipenderà dall’operato del più naiv dei personaggi del romanzo, quello meno contaminato dalle ubbie della civiltà.
    armando

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: