La movida dei ragazzi in corsa verso lo sballo

Claudio Risé, da “Il Mattino di Napoli” del lunedì, 27 giugno 2011, www.ilmattino.it

Da tre giorni tutti si chiedono perché e come mai. Perché a Milano un giovane di 21 anni, descritto da vicini e custodi di casa come gentile e corretto, ha ucciso e buttato nella spazzatura il suo migliore amico, di vent’anni, per poi violentare e uccidere l’ex fidanzata, sorella dell’amico.
Si ricorda la “socialità” dell’assassino, che aveva, come testimoniano i genitori, “tantissimi amici, e una vita sempre in mezzo alle gente”. È spesso così. Ma sarebbe meglio preoccuparsene.
L’essere sempre “con gli altri” dei nostri adolescenti, e il correre su Facebook per ritrovarli se per caso restano un momento da soli, segnala una preoccupante incapacità di rimanere anche per poco con se stessi, di riflettere.
L’ascolto interiore, la scoperta e coltivazione di sé è indispensabile nell’adolescenza per la costruzione della personalità.
La formazione dell’Io, e lo sviluppo di autentiche relazioni con gli altri richiedono uno spazio personale, nutrito dai momenti affettivi nati nell’incontro con gli altri, poi confrontati con le prime manifestazioni del proprio sé. Tutto ciò non ha nulla di intellettuale. Si tratta invece di un’attività molto istintiva, riconoscibile anche negli animali, nel loro andare e venire dagli incontri coi loro simili a momenti in cui preferiscono rimanere per conto loro.
Per restare da soli, però, occorre sottrarsi, anche per poco, a quella “spinta verso fuori di sé” fortemente richiesta dal nostro modello di cultura e di comunicazione. Che a volte sostiene esplicitamente: “dentro (di noi) non c’è niente”; è quindi fuori, agli altri, alle mode, ai luoghi di aggregazione, reali o virtuali, che occorre guardare, è lì che dobbiamo correre.
Per questo le notti dei ragazzi diventano sempre più lunghe, come quella, lunghissima, al termine della quale Riccardo uccide prima il migliore amico e dopo la sorella sua ex fidanzata. E’ sempre per questo “andar fuori” da sé da questo guscio presunto vuoto e mai frequentato, che questi ragazzi bevono tantissimo e “si fanno”. Prendono frettolosamente qualsiasi cosa serva a “sballare”, a far saltare l’imballaggio del loro cervello: un contenitore che diventa così sempre più precario ed incerto, con perdite e crepe ormai vistose.
Gli adulti attorno a loro non sembrano però prestare molta attenzione a cosa davvero stia loro accadendo. Si stupiscono, protestano.
Ma come potrebbero i ragazzi studiare, essere promossi, lavorare stabilmente, se dormono poco, bevono tantissimo, e “comunicano” in continuazione contenuti gergali e stereotipati, più o meno uguali per tutti? Come possono evitare un collasso o una crisi psichica più o meno grave se negli anni in cui il cervello completa il suo primo sviluppo, non gli forniscono il sonno, tempo di rigenerazione naturale, e lo alterano in continuazione con sostanze eccitanti e intossicanti senza risparmiare nessuna zona della preziosa mente in formazione?
La memoria viene alterata, a volte sospesa per molte ore, come potrebbe essere davvero accaduto a Riccardo, l’orientamento perduto, i freni inibitori allentati, il riconoscimento della realtà frantumato da una molteplicità di spinte e paure, contraddittorie e caotiche.
L’Io, la coscienza con la sua capacità di direzione, non c’è più. Ci sono, appunto, solo gli altri, oggetti d’amore, e quindi, fatalmente, anche di odio (negli sfoghi su Facebook su professori e nemici da bruciare o far morire lentamente, tra sofferenze).
Gli altri sono ormai tutta la loro disperata e vuota esistenza. Per questo, anche, a volte, li sopprimono, li buttano via, e dimenticano dove, come ha raccontato Riccardo.

Advertisements

2 Responses to La movida dei ragazzi in corsa verso lo sballo

  1. Vale says:

    Proprio in questi giorni io e mio marito stiamo affrontando una pesante e logorroica discussione con i nostri parenti a proposito dell’educazione dei nostri figli (unici nipoti in tutto il parentado, perciò sempre “sotto il faro”, guardati a vista e criticati, insieme a noi genitori). Non se ne può più. Zii, prozii e cognati senza figli che continuamente pontificano su come bisognerebbe comportarsi coi figli e cosa loro dovrebbero fare, non fare e addirittura pensare. Il triste messaggio che deriva da tutti questi (adulti?) in sostanza è di due tipi: 1) non sono diventati quello che tutti ci aspettavamo, e 2) non sono riconoscenti per tutto quello che abbiamo fatto per loro.
    Io, che sono la madre di questi “figli sotto il faro”, capisco la pesantezza che vivono in questo clima di continuo esame da parte di tutti gli adulti pretenziosi ed egoisti che hanno intorno e che non si rendono conto – neppure a gridarglielo – che così fanno solo il loro male. Quante volte ho sentito i miei figli dire che scapperanno di casa appena possono…
    Vale

  2. Redazione says:

    Sul mio blog: http://blog.leiweb.it/psiche-lui/2011/07/02/figli-e-genitori-sotto-il-faro-dei-parenti-pretenziosi/#comments_list ho risposto al commento di Vale, ed è in corso un dibattito sulla questione da lei aperta.
    Claudio

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: