Diciamo addio all’era dei bamboccioni

Claudio Risé, da “Il Mattino di Napoli” del lunedì, 3 dicembre 2012, www.ilmattino.it

Cosa si aspettano i nostri (troppo pochi) giovani? Capirlo potrebbe aiutare il Paese ad uscire dallo stallo e malessere in cui si trova.
Chi, come genitori, educatori, terapeuti, è a contatto coi più giovani, può individuare con una certa chiarezza alcuni elementi comuni, presenti fra di loro e piuttosto nuovi rispetto alla generazione precedente. Uno è il rifiuto di ogni atteggiamento paternalista da parte dei “grandi”. Questi ragazzi si considerano persone, e sanno cosa ciò significa.
C’è – spesso – la consapevolezza di non sapere molte cose, e a volte la curiosità di conoscerle. Ma ancora più forte è la coscienza della propria dignità.
Dal punto di vista psicologico, la loro situazione è diversa da chi li ha preceduti 10 o vent’anni fa. Questi oscillano meno spesso tra depressione e trasgressione, i due poli degli adolescenti a cavallo del millennio. In compenso sono piuttosto stabilmente “arrabbiati”, in modo meno isterico ma più costante.
Gli adulti devono stare attenti a ciò che dicono, a come lo dicono, e soprattutto a ciò che fanno.
Possono perdere il loro prestigio in un batter d’occhio: la “rottamazione” è sempre pronta, in agguato, per tutti loro.
Questa sensibilità al probabile “imbroglio” dei vecchi, considerato sempre possibile da ragazzini cresciuti tra gli scandali, fa sì che, per la prima volta dopo decenni di disinteresse per la politica, i giovani ora ricomincino ad occuparsene, non lasciandone il monopolio a quelli tra loro che poi vogliono fare “carriera” nello Stato. Anche se, poi, naturalmente, faticano ad individuare dei punti di riferimento, e mantengono comunque (a quanto parrebbe), una certa distanza critica a portata di mano.
La maggior parte di loro, in ogni caso, si considera “fortemente danneggiata” da come la generazione dei loro padri ha esercitato il proprio potere.
Si tratta di un fenomeno molto diverso dalle proteste, spesso prevalentemente ideologiche, inscenate dai giovani dagli anni 70 in poi. I ragazzi di oggi danno molto spesso l’impressione di avere a disposizione una calcolatrice virtuale sempre pronta a conteggiare quanto un qualsiasi adulto che tenti di impartirgli lezioni, abbia loro sottratto in termini di pensione, possibilità di avere un posto di lavoro, tenore di vita, serenità familiare, valutazioni di solito assenti nei movimenti dal 68 in poi.
Quasi tutti, infatti, stanno uscendo dalle trappole delle ideologie (marxiste o liberiste), con le quali i “vecchi” – dicono – li hanno derubati da una partenza equa nella corsa della vita.
Gli unici riferimenti, più pratici e esistenziali che ideologici, hanno un sapore libertario, con un retrogusto di pacifica anarchia.
Incominciano così a pensare che la libertà dovranno conquistarsela da soli, agendo direttamente, ma senza costruire strutture partitiche o piani particolareggiati. Semplicemente agendo come se si fosse già liberi, come se lo Stato non esistesse.
Un riferimento diffuso tra chi di loro ne cerca (ma non sono molti), non è un politologo o un economista ma un antropologo, David Graeber, ex docente a Yale (autore del recentissimo “Rivoluzione. Istruzioni per l’uso”).
Graeber, tra i protagonisti del movimento “Occupy Wall Street”, sconsiglia vivamente di perdere tempo a “distruggere lo Stato” borghese, proponendo piuttosto di vivere “come se lo Stato non esistesse”.
C’è la percezione della crisi provocata nelle tradizionali strutture statuali dai grandi fenomeni contemporanei (globalizzazione, trasformazioni tecnologiche), nei confronti dei quali recuperare libertà e orientamento. Forse, il bamboccionismo è ormai alle spalle.

Annunci

3 Responses to Diciamo addio all’era dei bamboccioni

  1. Paolo says:

    Molto interessante (e saggio) questo articolo!
    Ho il sospetto che David Graeber non conosca Equitalia, ma a parte questo potrebbe configurarsi in questi giovani una svolta nella relazione padre-figlio, o nell’immagine stessa della paternità (con tutto il suo tradizionale peso simbolico/libertario, che questa ha finora avuto, e che rischia di non avere più)?.
    Paolo

  2. Gabry says:

    Condivido tutto.. ma condizione basilare è che escano di casa!!!Speriamo bene…

  3. Roberto B. says:

    A mio parere l’era dei bamboccioni non è mai cominciata, è stata messa in piedi affinché la generazione che avrebbe dovuto passare “la staffetta” celasse la fregatura che avevano in serbo per la nuova generazione. La vergogna è troppo grande per essere rivelata in tutta la sua essenza ed allora si accusa stupidamente per difendersi. Come se potesse esistere una generazione di bamboccioni per virtù di qualche tara genetica, che stupidagine.
    In questo caso l’accusa condanna chi la fa più che chi si vorrebbe bacchettare in virtù di chissà quale morale. Dopo aver banchettato lautamente con le pietanze che avrebbero dovuto nutrire le future generazioni, pur di non darsi veramente da fare, ci si attacca a patetiche accuse nelle quali si ricerca una ridicola autoassoluzione.
    Certe cose una volta mi irritavano, adesso son diventate semplicemente ridicole.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: