ONU: tagliate i costi della droga!

Claudio Risé, da “Il Mattino di Napoli” del lunedì, 9 luglio 2012, www.ilmattino.it

C’è un costo che pesa sulle nostre vite: se ne parla poco, ma richiederebbe un bel “taglio”. Si tratta del prezzo economico, sociale, sanitario, legale, del consumo di droghe illegali, a partire dalla più diffusa tra tutte loro: la cannabis (marijuana e hashish).
Ce lo ricorda l’ultimo rapporto ONU sulla droga nel mondo, pubblicato in questi giorni. L’Italia è ancora in testa ai Paesi consumatori di cannabis in Occidente, posizione che il nostro Paese ha “conquistato” ormai da anni.
Ultimamente, però, il buon lavoro svolto dai tecnici del Dipartimento anti droga della Presidenza del Consiglio sembra riuscito, secondo il rapporto ONU, a ridurre leggermente il consumo. Il documento presenta con ricchezza di dati quanto in questa rubrica si è più volte sostenuto, vale a dire gli altissimi costi rappresentati dal consumo di droghe illegali per l’economia e la vita dei Paesi.
Non è un caso tra l’altro che quegli Stati europei dove il consumo di droghe in certi casi ancora cresce (come la Grecia), o fatica a diminuire (come la Spagna) siano anche quelli dove la situazione economica è più grave. Leggi il resto dell’articolo