Il disagio gay non si risolve coi processi agli psicologi

(Di Claudio Risé, da “La nuova Bussola Quotidiana”, 13 maggio 2017, www.lanuovabq.it)

Sul caso dello psicologo Giancarlo Ricci, finito sotto accusa dell’ordine per aver detto che madre e padre sono due condizioni indispensabili per la crescita di un bambino interviene nel dibattitto Claudio Risé.

Purtroppo c’è un procedimento disciplinare in corso, e per rispetto al collega e amico Gianfranco Ricci e ai responsabili dell’Ordine che lo conducono, non intendo sovrapporre valutazioni personali.
Colpisce però che alcuni psicologi abbiano preferito affrontare un tema importante e delicato come i disagi legati agli orientamenti sessuali, a colpi di denunce e procedimenti disciplinari, anzichè svilupparlo attraverso ampie, attente, informate e plurali occasioni di incontro, formazione, dibattito. Dal punto di vista psicologico (che non è certo quello politico, o giudiziario), su questioni così importanti e attuali il confronto, l’ascolto della posizione dell’altro, il lasciar lavorare dentro di sé le esperienze diverse, l’apertura agli altri sono indispensabili alla crescita personale, professionale, e scientifica.  Leggi il resto dell’articolo

Annunci