Guido Venturini: “è l’albero che ha scelto me”

(Intervista dei Maschi Selvatici all’artista della Mostra “L’asse del mondo”, Faenza, 1-18 settembre 2017, da www.maschiselvatici.it)

Maschi Selvatici: Noi maschi selvatici siamo molto interessati alla relazione con la natura. Che cosa ti ha portato a raffigurarla nelle tue opere, che cosa cerchi e trovi nella natura?

Guido Venturini: Nella natura si ritrova se stessi. Noi siamo natura. Gli stessi segni che la mano traccia sulla tela sono segni naturali, ben diversi da quelli meccanici del computer o di altre macchine. Sono segni che hanno un rapporto con il corpo, con il respiro. Riflettono lo stato di forma dell’artista, e anche, inesorabilmente, la vicinanza alla natura dell’artista nel momento in cui lavora. È stato particolarmente lungo il percorso che mi ha portato dal lavoro precedente sul Cristo a questi alberi, mi sono avvicinato ai paesaggi, andando a disegnare tra le montagne o in altri luoghi naturali, per poi arrivare alla semplicità dell’albero, così vicina in fondo al legno della croce, l’albero della vita.

M.S.: Perché hai scelto proprio gli alberi come motivo della tua ispirazione?

G.V.: Forse è l’albero che ha scelto me. Forse le mie mani avevano digerito altri alberi e forme naturali, ed hanno cominciato da sole a dar vita a rami e foglie, tronchi e terra. Senza che io potessi opporre altre forme altrettanto plausibili, altrettanto naturalmente nascenti da un mio fare non troppo mediato dal pensiero. Come una danza improvvisata. Mi sono trovato tra gli alberi. E ancora ci sono in mezzo.

M.S.: Tu hai rappresentato in passato soggetti sacri, ad esempio il Cristo crocefisso (nel tuo trittico “Oggi sarai con me in paradiso” ospitato anche presso il Museo Diocesano di Milano). Soggetti piuttosto insoliti, coraggiosi, in un’epoca che fa volentieri a meno della relazione con il trascendente. Credi che anche la relazione, e quindi l’osservazione, della natura possa permetterci di ri-stabilire un dialogo con questa dimensione di cui l’uomo ha tanto bisogno? Leggi il resto dell’articolo

Annunci

Il maschio selvatico/2 (di Claudio Risé. Edizioni San Paolo, 2015)

maschioselvatico(Invito alla lettura a cura di Paolo Marcon)

Il maschio selvatico ritorna in libreria, e ci sfida ancora

La testa di un uomo tatuata e perforata da oggetti metallici, sul dorso l’immagine-guida del volto ricoperto di foglie, la quarta di copertina con la breve e impegnativa indicazione: “Il maschio selvatico è l’uomo che vuole essere se stesso, assumendosi ogni responsabilità derivante dal suo essere creatura, di genere maschile”.
Nel 2015 irrompe così, tra gli scaffali delle librerie, sul web e per coraggiosa iniziativa delle Edizioni San Paolo, la nuova edizione completamente rivista, ampliata e aggiornata del cultbook di Claudio Risé: Il maschioselvatico/2. La forza vitale dell’istinto maschile.

La prima stesura del testo fu pubblicata nei primi anni Novanta, generò risonanze nell’immaginario di quel mondo maschile già allora banalmente descritto in “crisi d’identità”, proprio da quel circuito mediatico/politico mainstream molto interessato ad imporre le sue soluzioni burocratiche e di consumo; ispirò l’approfondimento e la ricerca personale di molti giovani maschi, cui lo spettacolo sociale intorno a sé, e spirituale dentro di sé, cagionava malessere, infine provocò la nascita del movimento degli uomini in Italia che ancora oggi continua ad ispirarsi a questo libro-fondamento: i Maschi Selvatici.

In oltre vent’anni da quella prima pubblicazione è passata molta acqua sotto i ponti, tanti sono persino crollati, le visioni presentate in quel primo “Maschio Selvatico” hanno trovato spesso tragica conferma, come pure la bontà delle piste di salvezza indicate, e l’urgenza di percorrerle.

Conferma, ahinoi, ha trovato la cacciata dell’uomo dal suo territorio culturale maschile di riferimento: “sobrietà, ricerca del senso, addestramento delle proprie forze, rapporto con la natura incontaminata, elevazione verso l’alto”. Quel territorio è oggi diventato una specie di discarica di oggetti artificiali, culto dell’immagine, scarti d’idee mal consumate e generate a scopo di lucro dai promotori d’interessi economici agiti politicamente, ed amministrate da organizzazioni burocratiche e statuali sempre più asfissianti.  Leggi il resto dell’articolo

Nel dono la chiave della felicità

felicità (Di Cesare Cavalleri, da “Avvenire”, 16 luglio 2014, www.avvenire.it)

Claudio Risé, psicanalista di fama internazionale, ripropone, aggiornato, un suo lavoro del 2004, Felicità è donarsi. Contro la cultura del narcisismo (San Paolo, pagine 144, euro 14,00), interessante sotto diverse angolazioni. Anzitutto per il metodo espositivo. Gli psicanalisti, per correttezza etica, non dovrebbero rendere pubbliche le confidenze che ricevono dai clienti: alcuni le riportano con la protezione dell’anonimato, ma c’è sempre chi potrebbe ugualmente riconoscersi o riconoscere qualcun altro, rischio che Risé non intende correre.
C’è però un cliente di Risé che è ben felice di mettere a disposizione le proprie esperienze, e quel cliente è Risé stesso. Il libro, dunque, è scritto in prima persona, e l’autobiografia dà risalto letterario alla spigliata narrazione scientifica.
Quando, dunque, Risé ha scoperto che la felicità è donarsi? Molto presto, in piena adolescenza.
Quindicenne, progettò un’esplorazione solitaria della Sardegna, all’insaputa dei genitori. A Civitavecchia si imbarcò su un rimorchiatore, guardato con diffidenza dall’equipaggio. Ma un giovane mozzo, intuendo che il coetaneo era digiuno, gli si avvicinò porgendogli due mele. «Feci per frugarmi in tasca – ricorda Risé – alla ricerca di spicci. Mi fulminò con gli occhi scuri. “Che fai? – disse –. Sono per te. Da me”».
Il cerchio di solitudine egocentrica in cui il giovane borghese di Milano non sapeva di essere rinchiuso, si era spezzato. «Quel: “Per te. Da me” fondava un “essere con””. Per un secondo, ma anche per tutto il viaggio, e forse, in un qualche modo, per tutta la vita, eravamo insieme. Esseri umani. Che si scambiavano doni. Si curavano l’uno dell’altro. Insieme, senza starsi addosso. Nessun possesso, nessuno scambio interessato».
Il significato profondo di quell’episodio innerva tutta la trattazione, come la vita dell’autore che ha scoperto il dono del maestro quando studiava a Ginevra con il grande Jean Meynaud, e il coraggio degli sconfitti frequentando gli esuli algerini negli anni caldi raccontati da Camus.
Ma la fonte del dono è il sacro, inteso come «qualcosa che va al di là di noi e del mondo delle cose, e nei confronti del quale noi possiamo assumere soltanto una posizione di devozione (non esente da timore)». È la sacralità della vita e, ancor più del contatto con il divino, che Risé intuì al liceo Berchet di Milano, attraverso un professore di religione che si chiamava don Luigi Giussani.
[continua a leggere l’articolo sul sito di Avvenire]